Grillo a Firenze contro Renzi: “È un delinquente. Noi vinceremo le europee”

Grillo a Firenze contro Renzi: “È un delinquente. Noi vinceremo le europee”

beppe grillo“Vinceremo straordinariamente le europee. Siamo diventati il primo movimento politico in Italia”. Ne è convinto Beppe Grillo che durante il comizio di Firenze tra un vaffa e una satira, ha rinnovato gli attacchi al governo, non meno che all’Europa.

Scegliendo come penultima tappa del vinciamonoi tour una città “renzianizzata”, il leader del M5 stelle ha rinnovato con enfasi gli attacchi al premier, riferendosi alla condanna inflitta dalla Corte dei Conti Toscana. “Siamo tre delinquenti, è stato condannato dall’erario anche il vostro ex sindaco”- ha urlato Grillo in piazza Santissima Annunziata – “Questo viene eletto con i voti da sindaco e poi va da un’altra parte. Fare il sindaco è un privilegio. Noi vogliamo il vincolo di mandato. Se sei eletto per fare il sindaco sta li”.

Oltre al referendum per uscire dall’euro, il leader a 5 stelle ha proposto di “stracciare il fiscal compact davanti alla Merkel”, e parlando della situazione italiana ha accusato l’informazione, a sua detta “la prima responsabile del disastro del Paese in quanto la Rai ha tredicimila dipendenti, 628 dirigenti e non c’è ne è uno sotto i trent’anni”. Commenti al vetriolo anche per Equitalia che il comico genovese non ha esitato a definire “un baraccone che non fa il suo dovere, fa due più due e se questo vuol dire far chiudere le aziende non gliene frega un c….”.

Per uscire da un’economia di guerra, la soluzione grillina è semplice e radicale.” Dobbiamo rifare questo Paese dalle fondamenta, dobbiamo ripensare la cultura e l’economia, non perché siamo megalomani ma perché siamo obbligati a farlo”- ha dichiarato Grillo, rispondendo ironicamente alle polemiche sollevate da chi ha visto nel comico i germi di una personalita dittatoriale: “Mi danno del cattivo, state attenti che arriva Grillo, è cattivo, è Hitler, e io ho detto che oltre Hitler, sono Charlie Chaplin!”

Il voto del 25 maggio è imminente e Grillo sembra non avere dubbi sul successo elettorale del suo movimento: “È il voto più politico della nostra vita: non scegliamo un partito, ma un modo di vita, un modo diverso dal loro, vinciamo noi!”.

Benedetta Cucchiara
22 maggio 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook