Matacena & Co. L’inchiesta è ancora aperta

Matacena & Co. L’inchiesta è ancora aperta

Il caso Matacena- Scajola non è ancora chiuso. Ci sono più fronti aperti e -secondo indiscrezioni- una lista di nomi che bolle sarebbe pronta ad uscire fuori.

Il primo risvolto riguarda Chiara Rizzo – la moglie di Amedeo Matacena arrestata a Nizza per aver favorito la latitanza di Matacena, condannato in via definitiva a 5 anni per concorso esterno in associazione mafiosa. La Corte d’Appello di Aix en Provence ha infatti accolto la richiesta di estradizione della stessa Chiara Rizzo e  venerdì prossimo potrebbe tornare in Italia.

Ma la vera notizia è un’altra e da il senso della grandezza dell’operazione partita dalla Dda di Reggio Calabria: l’inchiesta – che l’8 maggio aveva portato all’arresto di Claudio Scajola per aver favorito anch’egli il latitante Matacena- potrebbe coinvolgere altri “soggetti di interesse investigativo”: oltre alla Rizzo ci sarebbero i figli di Amintore Fanfani, la sorella di  Scajola e l’ex parlamentare democristiano Emo Danesi.

Intanto, Amedeo Matacena fa sapere che rientrerà spontaneamente in Italia solo se dovessero andar male i due ricorsi in Cassazione e alla Corte europea dei diritti dell’ uomo.

di Luigi Carnevale

14 maggio 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook