Riforme, Renzi è fiducioso: “avanti come un rullo compressore”

Riforme, Renzi è fiducioso: “avanti come un rullo compressore”

renzi-matteoL’8 aprile si presenterà il Def e il 16 il Cdm sbloccherà le somme necessarie per coprire i tagli delle tasse. Intervistato ieri da Lili Gruber a “Otto e mezzo”, Renzi ha così sintetizzato il suo programma del mese ribadendo di voler “andare avanti come un rullo compressore”.

Al centro del discorso il mantenimento delle promesse fatte agli italiani, soprattutto per quanto riguarda la riduzione del cuneo fiscale e gli aumenti delle buste paga, 80 euro in più a 10 milioni di lavoratori.”Il grosso delle coperture del taglio Irpef verrà dalla spending review” – ha dichiarato Renzi- “la stragrande maggioranza dei denari verrà dalla cosiddetta revisione della spesa, che non è solo un taglio dei denari ma un cambio della pubblica amministrazione”.

Convinto della bontà del suo piano, il premier ha passato in rassegna i suoi recenti successi e ha affermato “di aver dato un evidente segnale di speranza alla gente”. E i segni tangibili di un Paese che vuole rimettersi in moto riguardano la riforma della legge elettorale, approvata in prima lettura, e l’abolizione delle province.

Sulla riforma del Senato, Renzi non si è detto preoccupato sull’eventuale cambio di direzione di Forza Italia, la cui unità sembra poggiare tutta sulla sorte di Berlusconi, facendo vacillare così l’appoggio forzista all’esecutivo.”Sono convinto che anche FI voterà il superamento del Senato, la modifica del titolo V e la nuova legge elettorale. Io sono convinto che le riforme andranno avanti”-ha detto fiducioso Renzi, rispondendo agli attacchi di Brunetta che ha definito il premier “un golpista” per aver eliminato le province – “Ma io che ci posso fare? Con tutti i problemi che ha l’Italia posso preoccuparmi di Brunetta?”

Sul precario rapporto con Fi, Renzi ha escluso la possibilità di un incontro con il leader del partito e anzi ha espresso la sua soddisfazione per l’impegno tenuto dall’opposizione, in quanto Berlusconi “ha fatto la scelta importante di stare al tavolo delle riforme”.

Benedetta Cucchiara
4 aprile 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook