Renzi. Su occupazione dati sconvolgenti.

Renzi. Su occupazione dati sconvolgenti.

“È un dato sconvolgente” — ha detto da Londra il premier Matteo Renzi — riferendosi alle ultime pubblicazioni Istat che fanno riferimento allo stato di occupazione in Italia. “In un anno” — ha continuato Renzi —  “si sono persi mille posti di lavoro al giorno”.

Secondo l’Istat il tasso di disoccupazione si è attestato (a febbraio) al 13%, in aumento di 1,1% rispetto allo stesso periodo dell’anno prima. È il dato più alto sia dall’inizio delle serie mensili nel gennaio 2004, sia da quello delle serie trimestrali nel primo trimestre 1977.

Dai dati emerge che a febbraio il numero di disoccupati ha superato la soglia dei 3,3 milioni. L’Istat registra precisamente 3 milioni 307 mila persone in cerca di lavoro, in aumento di 8 mila su gennaio (+0,2%) e di 272 mila su base annua (+9,0%).

Non va meglio per i giovani (15-24 anni) per i quali il tasso di disoccupazione a febbraio è arrivato al 42,3%.

Insomma, per sintetizzare, potremmo dire che in Italia poco più di una persona su due tra i 15 e i 64 anni risulta occupata.

Secondo il Premier Renzi: “Ci sono dei segnali di ripresa, ma non sono sufficienti, l’Italia deve fare quello che deve, per questo è fondamentale correre sulle riforme, non è una necessità personale, ma serve al Paese. L’Italia può ripartire, ma c’è bisogno di correre”.

di Luigi Carnevale

1 aprile 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook