Boom di voti on line per il Veneto indipendente

Boom di voti on line per il Veneto indipendente

venetoAria di secessione e di referendum in giro…Si invoca da più parti il principio di autodeterminazione dei popoli, di wilsoniana memoria.

Così se la Crimea vuole tornare alla Russia, per non parlare delle Fiandre, della Scozia e della Catalogna, anche il Veneto si vuole staccare dall’Italia.

Il risultato del plebiscito virtuale, proposto dal movimento venetista ”Plebiscito.eu.” è chiaro: due milioni di elettori (89%) vogliono il Veneto indipendente e sovrano, una nuova Repubblica della Serenissima, con capitale Venezia, come quella deposta da Napoleone nel 1797, fuori dall’euro, dall’Unione europea e dalla Nato.

L’esito è stato accolto con una festa in piazza dei Signori a Treviso dove si sono radunate 400-500 persone che brandivano le bandiere con leone di San Marco e urlavano: Libertà, libertà!

Un risorgimento, se vogliamo, al contrario!

Gianluca Busato, leader degli indipendentisti, ha parlato di primavera veneta, affermando che “L’autodeterminazione del popolo veneto è una battaglia di civiltà“.

Il referendum on line è stato una grande consultazione popolare ma ovviamente non ha alcun valore legale né immediati risvolti pratici. La nostra carta costituzionale non prevede altro referendum se non quello abrogativo. La Costituzione inoltre non permette in alcun modo il disgregamento del territorio nazionale: la Repubblica, una e indivisibile!

Rimane tuttavia un malessere profondo del popolo veneto: disagio e un segnale che di cui Roma deve tener conto.

Il governatore Luca Zaia, ha ricordato che il Nordest lascia a Roma ogni anno 21 miliardi di tasse che non rientrano e per quanto riguarda l’artico 5 della Costituzione ha affermato che loro si muovono nel solco del diritto internazionale. Ricorda quando tutti i ministri europei dicevano che mai avrebbero riconosciuto la Slovenia indipendente? Alla fine, chi prima chi dopo, tutti hanno dovuto accettare la realtà dei fatti.

Cristian Cavacchioli
22 marzo 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook