Monti: “Politica può trasfomare questo momento in opportunità”

Durante il suo primo giorno da presidente del Consiglio incaricato, Mario Monti ha affermato che: «La politica può lavorare per trasformare questo momento difficile in una opportunità».
Per raggiungere questo obiettivo serve però “coesione” ed ogni partito deve assumersi le sue responsabilità.
Dopo la prima giornata di consultazioni sono queste le prime parole di Monti durante una conferenza stampa per fare il punto della situazione a Palazzo Giustiniani.

Monti ha poi detto: «Che i segretari dei partiti che appoggeranno il governo siano presenti in esso non mi sembra condizione indispensabile. Che ci sia un convinto appoggio da parte loro sull’ispirazione, le caratteristiche, i valori e la prospettiva operativa del governo mi sembra indispensabile».
Non solo un governo di soli tecnici quindi. Oggi per giunta è arrivato il “rifiuto” dell’ex rettore della Bocconi, Carlo Secchi, per motivi di indisponibilità nell’affrontare un incarico a breve termine. In merito a questa notizia il Presidente del Consiglio ha aggiunto: «L’orizzonte temporale per il nuovo esecutivo alla fine della legislatura, nella primavera del 2013. Ma è chiaro che il Parlamento in qualsiasi momento può decidere che un governo non gode più della sua fiducia».
Per quanto riguarda le riforme Monti ha nuovamente ribadito che saranno mirate al rilancio dell’economia del nostro Paese e che riporterà: «l’Italia potrà avere un ruolo di protagonista nel mondo».
Dopo la prima giornata di consultazioni sono queste le prime somme di un governo in via di formazione. Intanto quest’oggi la borsa italiane ha chiuso in negativo: «Sono sicuro – ha detto poi Monti – che i mercati avranno un impazienza temperata dalla razionalità».

di Enrico Ferdinandi

14 novembre 2011

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook