La fiducia di Letta nel 2014:”le tasse scenderanno”

La fiducia di Letta nel 2014:”le tasse scenderanno”

governo-lettaUn altro cinguettio ottimista da parte di Letta. Il presidente del Consiglio ha scelto ancora una volta twitter per ribadire la sua fiducia nella ripresa economica, una ripresa attesa per l’anno prossimo e che passa per una riduzione della pressione fiscale. “Le tasse sulle famiglie nel 2013 sono scese”, ha scritto ieri il premier,”e la tendenza continuerà anche nel 2014″.

Il messaggio di 140 caratteri del Presidente del Consiglio ha commentato lo studio della Cgia di Mestre sulla riduzione della tassazione nel 2013 che ha preso in considerazione tre tipi di famiglie: giovani lavoratori, coppie con un unico figlio e famiglie monoreddito. Il risultato della ricerca ha evidenziato una notevole riduzione della tasse, dai 18 ai 250 euro; inoltre, per l’anno prossimo, è stato previsto un alleggerimento del carico fiscale per i lavoratori dipendenti che percepiscono salari esigui, mentre quelli autonomi e i pensionati dovranno aspettarsi un anno di salassi fiscali.

Se è vero che molte famiglie otterranno dei benefici, è altrettanto vero che a partire dal prossimo mese i portafogli degli italiani vedranno nuove minacce all’orizzonte:gli aumenti dei carburanti, delle sigarette, dei pedaggi autostradali e delle bollette, senza dimenticare l’incremento dell’Iva sui prodotti dei distributori automatici che renderanno fatale la pausa caffè, saranno necessari allo Stato per fare cassa e soddisfare così i parametri della legge di Stabilità e del neo decreto Milleproroghe.

Sullo studio della Cgia di Mestre Angelino Alfano ha affermato”di accogliere con soddisfazione lanalisi che riconosce al Governo linversione di tendenza sulla crescita delle tasse, con un risparmio che, per le famiglie, è comunque considerevole”. E per l’anno prossimo il vicepremier ha promesso di continuare con lo stesso programma, cercando di impegnarsi al massimo per i cittadini:”Adesso occorre continuare per fare nel 2014 ancora di più. È questo il motivo forte che ci ha spinto a portare avanti il Governo nellinteresse esclusivo degli italiani e il tanto già fatto ci spinge dunque a proseguire in questa direzione”

Letta e Alfano hanno quindi dichiarato di vedere un futuro roseo per l’Italia, una convinzione rafforzata dai successi fiscali di fine anno,a detta del premier ” importanti per consolidare il trend di fiducia”, ma che forse non sono sufficienti a rialzare l’ottimismo degli italiani, sempre più soffocato da nuove imposte e dallo spettro della disoccupazione.

Benedetta Cucchiara
30 dicembre 2013

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook