Benzinai: In sciopero per 15 giorni

di Enrico Ferdinandi

Il Coordinamento nazionale unitario dei Gestori di Faib Confesercenti e Fegica Cisl, ha notificato quest’oggi al presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, la decisione presa dai rispettivi organi collegiali di: «proclamare lo stato di agitazione della Categoria e 15 giorni di chiusura dei punti vendita, sia sulla viabilità ordinaria che su quella autostradale, da tenersi entro i prossimi tre mesi, secondo un calendario in via di formazione».  
Nella nota si può inoltre leggere che la decisione presa: «fa seguito alla costatazione della più assoluta inerzia del Governo stesso, inadempiente rispetto agli impegni ripetutamente assunti nei confronti della Categoria, mettendo a rischio di fallimento circa 25.000 piccole imprese ed i 140.000 posti di lavoro degli addetti occupati».

Lo sciopero più imminente riguarderà l’8, il 9 e il 10 novembre prossimi. Subito le maggiori associazioni italiane a difesa del cittadino (Adoc, Codacons, Movimento Difesa del Cittadino e Unione Nazionale Consumatori) hanno fatto sapere che sono pronte a presentare singole denunce e richieste d’arresto nei confronti dei benzinai che aumenteranno i prezzi di benzina e gasolio nelle 48 ore che precederanno gli scioperi. Questi scioperi difatti potrebbero diventare oggetto di speculazione, cosa che in questo momento di crisi si dovrebbe evitare.

 

19 ottobre 2011

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook