Forza Italia chiede le dimissioni di Letta. Ma Napolitano frena:”necessario un passaggio parlamentare”

Forza Italia chiede le dimissioni di Letta. Ma Napolitano frena:”necessario un passaggio parlamentare”

Letta-berlusconi-napolitanoÈ necessaria un’apertura formale della crisi di governo, con le dimissioni del presidente del Consiglio, Enrico Letta, nelle mani del Capo dello Stato”. Queste le dichiarazioni della delegazione di Forza Italia,espresse ieri al Colle durante un incontro con Napolitano, il quale ha sottolineato l’importanza di affrontare in Parlamento la nuova situazione politica prodotta dall’abbandono della maggioranza da parte di Fi.

La richiesta di valutare la delicata transizione è stata accolta favorevolmente dal Presidente della Repubblica, convinto dell’ineluttabilità “di un passaggio parlamentare che segni la discontinuità politica tra il governo delle larghe intese e il governo che ha ricevuto la fiducia sulle legge di Stabilità“. E per quanto riguarda i tempi e le modalità di questo passaggio, l’Ufficio stampa del Quirinale ha fatto sapere che “saranno oggetto di una consultazione del Presidente della Repubblica con il presidente del Consiglio“.

Il Colle ha voluto quindi trovare una soluzione intermedia, evitando di accettare in toto la proposta di far terminare al più presto l’esperienza governativa, posticipando così una crisi politica già all’orizzonte;sul successo di questo incontro , durato 90 minuti, il Senatore Altero Matteoli ha espresso la sua soddisfazione per la mediazione di Napolitano :”è stato molto attento alle nostre richieste“, ha ribadito l’esponente Fi, “Noi abbiamo chiesto al presidente della Repubblica di aprire formalmente una crisi di governo. Lui ha scelto una via di mezzo, cioè un passaggio parlamentare, che dovrà tenersi in tempi brevissimi”.

Durante l’incontro, non sono mancati momenti di tensione sulla questione della decadenza di Berlusconi:Fi non ha risparmiato dure critiche nei confronti di Piero Grasso, il cui comportamento è stato definito “inaccettabile“, e della Giunta delle elezioni di Palazzo Madama influenzata, a detta della delegazione,”da gravissime forzature procedurali e regolamentari che hanno portato alla decisione aberrante di procedere con una votazione a scrutinio palese sulla decadenza”.

Il premier Letta sarà ricevuto lunedì dal Colle e una nota di Palazzo Chigi ha sottolineato l’intenzione del premier di aderire al progetto del Capo dello Stato perché “il passaggio parlamentare potrà essere l’occasione per un rafforzamento ulteriore dell’azione di governo“, una soluzione questa, già presa in considerazione nei giorni scorsi dal presidente del Consiglio.

Benedetta Cucchiara
29 novembre 2013

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook