Napolitano: La maggioranza dia una risposta credibile

Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, in merito alla situazione del governo ha quest’oggi dichiarato che è compito del presidente del Consiglio: «indicare alla Camera nell’annunciato intervento di domani la soluzione che possa correttamente condurre alla dovuta approvazione da parte del Parlamento del rendiconto e dell’assestamento. Sulla sostenibilità di tale soluzione sono competenti a pronunciarsi le Camere e i loro Presidenti».

Napolitano ha quest’oggi incontrato al quirinale il presidente della Camera, Gianfranco Fini, e lo ha ringraziato: «per averlo messo al corrente delle ragioni che ad avviso dei presidenti dei gruppi parlamentari di opposizione rendono politicamente complesso il superamento della situazione determinatasi a seguito del voto contrario all’articolo 1 del rendiconto generale dell’Amministrazione dello Stato».

 

Il presidente della Repubblica  ha quindi dichiarato, in considerazione della sconfitta della maggioranza in aula ieri sul primo articolo del Rendiconto generale di bilancio che: «Dopo quanto avvenuto ieri alla Camera, è ai soggetti che ne sono costituzionalmente responsabili, presidente del Consiglio e Parlamento, che spetta una risposta credibile».

Napolitano ha espresso preoccupazione per  la mancata approvazione del rendiconto:

«Ho finora sempre preso imparzialmente atto della convinzione espressa dal governo e dai rappresentanti dei gruppi parlamentari che lo sostengono circa la solidità della maggioranza che attraverso reiterati voti di fiducia ha confermato il suo appoggio all’attuale esecutivo. La mancata approvazione, da parte della Camera, dell’articolo 1 del Rendiconto generale dell’amministrazione dello Stato, e, negli ultimi tempi, l’innegabile manifestarsi di acute tensioni in seno al governo e alla coalizione, con le conseguenti incertezze nell’adozione di decisioni dovute o annunciate, suscitano interrogativi e preoccupazioni i cui riflessi istituzionali non possono sfuggire».

In conclusione Napolitano si è chiesto se la maggioranza sia in grado di operare: «La questione che si pone è se la maggioranza di governo ricompostasi nel giugno scorso con l’apporto di un nuovo gruppo sia in grado di operare con la costante coesione necessaria per garantire adempimenti imprescindibili come l’insieme delle decisioni di bilancio e soluzioni adeguate per i problemi più urgenti del paese, anche in rapporto agli impegni e obblighi europei». E chiede ai soggetti «che ne sono costituzionalmente responsabili, presidente del Consiglio e Parlamento», «una risposta credibile».

 

di Enrico Ferdinandi

 

12 ottobre 2011

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook