Scissione del Pdl: Berlusconi vuole l’unità, ma c’è chi divide

Scissione del Pdl: Berlusconi vuole l’unità, ma c’è chi divide

berlusconi-vuole-unitaBerlusconi vuole evitare a tutti i costi la divisione del partito. Sembra essere questa la posizione del Cavaliere che ieri ha parlato ai giovani militanti nella nuova sede di Forza Italia, esprimendo la sua sofferenza di fronte ai tentativi di far saltare l’unità del Pdl. “Immaginate il dolore che mi attanaglia, faccio di tutto per tenere uniti i moderati da vent’anni, che sono la maggioranza”, ha dichiarato l’ex premier, “ma poi arriva sempre qualcuno che divide”.

Preoccupato dal voto sulla decadenza e “di essere in balìa delle procure”, Berlusconi non ha mancato di attaccare il governo e soprattutto alcuni ministri del Pdl, rei di complottare con l’esecutivo per tagliare la testa alla leadership del centrodestra. E il suo sfogo ha smorzato gli intenti conciliatori delle colombe:”Come possono chiedere ai nostri ministri e senatori di continuare a collaborare quando si rendono responsabili di un omicidio politico?”.

Ribadendo di voler cercare in tutti i modi di tenere uniti i moderati,il Cav ha quindi tentato di allontanare lo spettro della scissione, mettendo in guardia alcuni senatori del partito, “che a differenza dei 5 ministri che amano fare i ministri, godono del titolo nobiliare di senatore e dopo 7 mesi temono di non essere rimessi in lista”.

Amarezze e preoccupazioni a parte, il Cavaliere si è presentato con ottimismo di fronte ai giovani seguaci della rinata Forza Italia e ha ribadito la sua fiducia nel Consiglio nazionale di sabato, in cui verrà deciso il passaggio dal Pdl al nuovo partito. “Forza Italia è qualcosa di emozionante”, ha dichiarato il Cav, che ha aggiunto:”E questo sabato il consiglio ratificherà la decisione giusta, presa durante l’ufficio di presidenza”.

L’ex primo ministro, tra le varie mani tese ad Alfano e agli scissionisti, non ha risparmiato parole dure nei confronti di Renzi, ritenendolo un “opportunista” che non ha più il sostegno degli elettori ,e della sinistra che a detta di Berlusconi, “è tutta impegnata ad eliminare chi è stato un ostacolo per vent’anni alla sua presa definitiva del potere”.

 

Benedetta Cucchiara
13 novembre 2013

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook