Incendio al CDA di Lampedusa

Sicuramente non è di origine dolosa,  agli ospiti è vietato detenere accendisigari, fiammiferi o quant’altro!

Il regolamento interno dei CDA vieta assolutamente agli ospiti di detenere lacci per le scarpe, cinture per pantaloni e…fiammiferi o qualsiasi forma di accendisigari e le sigarette ai fumatori vengono accese direttamente dagli operatori addetti.

Quindi questo incendio non dovrebbe essere stato innescato dagli ospiti del CDA, così come è stato ventilato dagli organi di informazione.

Sicuramente tutti i regolamenti sono stati rispettati alla lettera, sicuramente non ci troviamo di fronte al  buonismo latente mellifluo ed inutile degli operatori addetti (probabilmente volontari) e specialmente dei loro responsabili, qualunque sia l’organizzazione.

Certamente non sarà avvenuto che comandanti di campo tanto inesperti quanto presuntuosi abbiano rilasciato agli ospiti alcuni permessi speciali, magari in seguito a  precedenti sommosse con la speranza o con la convinzione che si sarebbero sedate le voci di rivolta e le pretese sempre crescenti. Tanto meno sono stati rilasciati permessi speciali per far passare vino e liquori….

Ma il quesito che ora vorremmo proporre è il seguente:
chi paga i danni di questi scempi?
Sempre noi, la collettività che paga le indennità ai parlamentari, che viene succhiata fino al midollo da una valanga di imposte dirette e non, che non arriva a fine mese con il potere di acquisto sempre più irrisorio delle nostre buste paga.

Da precedenti esperienze personali in Centri del genere, mi ricordo che la maggioranza di tali ospiti era scappata dalle patrie galere, gli uomini, disoccupati e molte volte tossicodipendenti e le donne, sempre nella maggioranza, meretrici di basso lignaggio.

Al mattino si procedeva con la distribuzione della prima colazione, che varie volte, sempre per creare scompiglio veniva gettata a terra da capi autoproclamatisi, poi la raccolta dei nomi dei chiedenti visita o sostanze…si perché gli vengono passate anche sostanze tipo metadone se sono tossicodipendenti…non lo sapevate?  E chi paga?…

I pasti, i vestiti, le visite mediche, gli effetti letterecci, il servizio di barberia, il televisore con antenna parabolica e decoder!!

Poi bisogna tenere presente dei processi culturali, il ramadam, le abitudini alimentari: “io voglio pollo!! io voglio riso!! io voglio peperoncino!!

Sicuramente non è colpa del Comandante del campo!
La sua preparazione sociologica e organizzativa è innegabile,
sicuramente l’incendio è stato procurato da un corto circuito.

L’importante è avere la coscienza a posto.

 

di Andrea Marasea

 

21 settembre 2011

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook