Spiava i suoi clienti da stanze segrete, titolare di bed and breakfast denunciato

Spiava i suoi clienti da stanze segrete, titolare di bed and breakfast denunciato

carabinieri
TORINO – Il titolare aveva creato tre stanze segrete,allestite con sedie e cuscini, nascoste da armadi finti con fori camuffati da nottolini di serratura, per vedere e filmare i clienti. In questo modo ha potuto spiare decine di persone. I carabinieri sono stati avvertiti dall’ultima vittima,un ragazzo che aveva prenotato la stanza per passare del tempo con la fidanzata. Ed è proprio grazie a lei se sono arrivati a scoprire il “guardone”. Il cliente ha infatti dichiarato che come da abitudine,la sua ragazza “ha controllato se la stanza era pulita e in ordine” arrivando cosi a notare delle luci nella parte superiore dell’armadio che non era possibile spegnere,portandoli a seguire il cavo elettrico per staccare l’interruttore,scoprendo che nell’armadio c’era una grande apertura che collegava la loro stanza ad un’altra adiacente,completamente buia in quel momento. Facendo finta di andare in bagno,la vittima è uscita dalla camera e ha visto il proprietario della struttura uscire proprio dalla porta di quella stanza buia.
L’uomo (72 anni) è stato denunciato per interferenze illecite nella vita privata e sono state aperte delle indagini che serviranno a chiarire se lo scopo fosse di natura estorsiva (ricattare ad esempio coppie clandestine) o se agiva per altre cause. L’intero immobile,situato in zona Parella,è stato sottoposto a sequestro.
Matteo Salvetti
15 dicembre 2014
Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook