Milano rende noti i dati del censimento del 2011

I residenti sono  1.242.123 mila ed il 14% è di origine straniera. Record di ultracentenari, in gran parte donne

Sono stati pubblicati i dati ufficiali del censimento 2011 che faranno da riferimento per ogni intervento di interesse pubblico.
Speso ci si trova nel dubbio a fare riferiment  dati statistici circa la popolazione milanese e si poteva far riferimento solo ai dati ufficiali in possesso, che per la verità erano un po’ vecchiotti. Ora sono stati pubblicati i dati ufficiali del censimento 2011 a cui si potrà e si dovrà far riferimento per ogni intervento di interesse pubblico.  
Quanti sono i cittadini residenti nel Comune di Milano? Quanto è anziana la popolazione milanese e quanto incide nella saldo demografico il numero di cittadini di origine straniera? Questi alcuni dei principali quesiti posti dal censimento Istat 2011 e oggi, confrontando quei dati con gli accertamenti effettuati dal Settore Statistica del Comune, il dato è ufficialmente rilevato e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale.
Parliamo dunque di popolazione ‘legale’: ovvero la cifra ufficiale che farà testo fino alla successiva rilevazione censuaria e sarà l’unica fonte utilizzata per determinare una serie di aspetti di interesse pubblico, come i posti letto negli ospedali, il numero delle farmacie, delle scuole per grado di istruzione, il numero dei parlamentari (e dei senatori) nelle diverse circoscrizioni elettorali.

La popolazione residente a Milano è dunque pari a 1.242.123 unità al 9 ottobre 2011, data cui si riferisce il Censimento. Gli stranieri sono 176.303, pari al 14,2%. Rispetto al 2001, quando si contarono 1.256.211 residenti, si registra un leggero decremento (-1,1%, in controtendenza con il dato nazionale di incremento del 4,3%) da attribuire esclusivamente alla componente italiana, che la forte crescita di stranieri ha quasi completamente compensato.
Gli italiani sono infatti diminuiti negli ultimi 10 anni di oltre 100 mila persone (-8,8%) e negli ultimi 20 anni di oltre 276 mila; viceversa, rispetto al Censimento 2001, gli stranieri sono più che raddoppiati e rispetto a quello del 1991 sono cresciuti di oltre 150 mila unità (moltiplicandosi in 20 anni di oltre 6 volte) .
Un trend storico negativo ha visto per il quarto Censimento consecutivo diminuire la popolazione residente a Milano (vedi tabella 1). L’ultimo Censimento in cui si registrò un aumento di popolazione fu quello del 1971, allorché si contarono quasi mezzo milione di persone in più rispetto ad oggi, dopodiché nei Censimenti del 1981,del 1991, del 2001 e infine del 2011 la popolazione censita è sempre risultata inferiore a quella del Censimento precedente. Tuttavia , il rallentamento nella riduzione della popolazione (tra il 2001 e 2011 è scesa solo dell’1,1%) unito ad un’inversione di tendenza registrata recentemente in anagrafe (la popolazione è tornata a crescere a partire dal 2009 grazie alle migrazioni interne), suggeriscono che il trend negativo si sia esaurito.
Come e anzi più che nel resto d’Italia, a Milano abitano più donne che uomini: ci sono infatti circa 88 uomini ogni 100 donne (in Italia il rapporto è 94 ogni 100). E’ a partire dai 26 anni che, grazie ad un’immigrazione più femminile che maschile, le donne diventano maggioranza.
Aumentano gli ultracentenari, o meglio le ultracentenarie: a Milano sono quasi 500 (494 di cui 434 donne). Gli ultracentenari censiti nel 2001 erano 211 e nel 1991 solo 69. Anche i “grandi vecchi”, ovvero gli ultra 85enni, sono in aumento rispetto ai passati Censimenti. Arrivati a 44.209, fanno segnare una crescita del 24,5% rispetto al 2001 e del 105,5% rispetto al 1991. E infine allargando l’analisi agli oltre 310 mila anziani ultrasessantacinquenni, si arriva a comprendere esattamente il 25% della popolazione censita (in Italia è il 20,8%). Nel 2001 la percentuale di anziani era il 22,8% (già superiore al dato del 2011 nazionale) e nel 1991 il 18,2%. La quota è divenuta più rilevante per la contemporanea riduzione della popolazione nelle età lavorative (15-64 anni) che degli anziani è chiamata a farsi carico: -7,3% negli ultimi 10 anni e -20,9% negli ultimi 20 anni.
Considerando l’età media della popolazione residente, che per l’Italia nel suo complesso è pari a 43 anni, e per gli stranieri pari a 31 anni, Milano è abitata da persone mediamente più anziane: sia nel suo complesso (46 anni), sia per quanto concerne gli stranieri (33 anni) e gli italiani (48 anni). Per Milano, il fatto di avere una popolazione in cui incidono maggiormente gli anziani, implica una popolazione straniera a sua volta più anziana, in cui pesano i flussi di badanti dell’Est Europa: segmento composto da donne mediamente più adulte rispetto agli stranieri impiegati in altri settori lavorativi.
Qui sotto la tabella della popolazione residente per genere dal primo Censimento del 1861 ad oggi.

Sebastiano Di Mauro
26 dicembre 2012

Anni

Maschi

Femmine

Totale

Maschi ogni 100 femmine

1861

147.110

120.508

267.618

122,1

1871

148.220

142.294

290.514

104,2

1881

179.676

174.365

354.041

103,0

1901

266.870

271.608

538.478

98,3

1911

349.368

352.033

701.401

99,2

1921

394.593

423.555

818.148

93,2

1931

461.597

499.063

960.660

92,5

1951

595.366

678.879

1.274.245

87,7

1961

741.646

840.888

1.582.534

88,2

1971

818.067

913.933

1.732.000

89,5

1981

752.641

852.132

1.604.773

88,3

1991

640.311

728.920

1.369.231

87,8

2001

586.128

670.083

1.256.211

87,5

2011

580.978

661.145

1.242.123

87,9

 

 

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook