Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, …..che in futuro si pronunciasse più!

Intanto si conclude con la consegna a Francesca Archibugi del premio “Intervita per il cinema 2012”, riconoscimento a chi nel cinema si è speso per i diritti alle donne, “SIAMO PARI”
La Parola alle Donne!  al  Teatro Litta a Milano.
Con “Se questo è amore…” intrattenimento  teatrale con le giornaliste di La 27esima Ora/Corriere della Sera, e testi letti da Enzo Giraldi, Aglaia Zanetti, Lorella de Luca che precede il documentario di Francesca Archibugi nato da iniziativa ideata e finanziata dal Dipartimento per le Pari Opportunità con Risorse del Fondo sociale Europeo  e nell’ambito del I° Piano Nazionale contro la violenza di genere e lo stalking di con Riccardo Scamarcio e Jasmine Trinca del 2012 programmato in serata, chiude la rassegna.

Nel foyer del teatro un cocktail di benvenuto ed un “murales di fotomessaggi”, un’installazione di grande impatto appositamente realizzata per l’evento e dedicata alla percezione del segno, ha accolto gli ospiti durante la serata di inaugurazione venerdì 23 novembre. In un percorso visivo dove non è importante riprodurre il visibile, bensì scoprire se stessi e gli altri”, una sorta di laboratorio costruito dove la natura enigmatica e misteriosa dei segni e gesti, viene accentuata da un allestimento che trasforma lo spazio espositivo in un luogo misterioso e sacrale, ha origine  un’esperienza visiva di grande suggestione; fil-rouge incrociato che riunisce una serie di foto: Storyboard viaggiante in tempi di crisi, in un “abbraccio” che parte dal quotidiano, che interpreta la solitudine esistenziale dell’umanità.
Inoltre funge da collegamento tra diverse realtà culturali, rappresentando tanto organizzazioni che vogliano offrire i loro prodotti culturali quanto manager che mettano a disposizione le loro esperienze.
Guida e personalizzazione della serata di apertura affidata a Paola Maugeri per l’apertura ufficiale del festival, a seguire le interviste agli ospiti e gli organizzatori e battesimo per la proiezione in anteprima nazionale del film di Salvatore Mereus “Bellas Mariposas”, presentato all’ultima edizione del Festival di Arte Cinematografica di Venezia, con Micaela Ramazzotti, Sara Podda e Maya Mulas.
A tutti i  numerosi ospiti della serata, personalità rilevanti ed autorevoli del mondo dello spettacolo della comunicazione e dell’industria, è stato consegnato un prezioso cadeaux,  d’altissimo livello e qualità.
Per l’occasione è stato realizzato un programma, una mini maratona tra incontri tavole rotonde e seminari, proiezioni cinematografiche e spunti per parlare delle donne nella società contemporanea dal Nord al Sud del mondo per concludersi il 25 novembre in occasione della ricorrenza mondiale.
Il rapido aumento della criminalità  e l’esplosione della violenza  è sinonimo di preoccupazione e complessità e pongono problemi rispetto alla sicurezza  e in alcuni casi può risultare fecondo denunciare, perché diventino antidoto alla paura con la capacità di superare i propri limiti e andare oltre i pregiudizi e per sentirsi protette nella Propria denuncia.
Nel nord del mondo la violenza è più nascosta, all’interno delle mura domestiche da mariti, compagni, figli o nelle discriminazioni sul lavoro o nella società, mentre nel sud del mondo il fenomeno è più visibile; tuttavia entrambe le forme di violenza meritano la stessa attenzione.
Tutti i fondi raccolti durante la rassegna cinematografica Siamo Pari! La parola alle Donne, saranno devoluti ai progetti attivi in Brasile contro ogni forma di abuso violenza di cui sono vittime donne, adolescenti  e bambine e contro lo sfruttamento sessuale di bambini e adolescenti.
Una proposta che rientra nella programmazione dell’istituzione, Comune di Milano e la Media Partnership di Corriere della Sera, che negli ultimi anni ha dimostrato un interesse specifico per la forza emergente, patrocinando l’organizzazione INTERVITA onlus ed EUCERIN.
Intervita, conosciuta a livello internazionale come eccellenza per l’America Latina. Eucerin come Main Partner e PriceWaterhouseCoopers. Per sostenere   www.intervita.it   848 883388
Quindi….. il simbolo della “filosofia alta” “del guardare avanti”, sempre avanti!
Le fotografie compongono un gioco nel quale nasce la macchina sensibile, “simbolica pace nella lotta tra la natura umana”.

Angelo Antonio Messina
26 novembre 2012

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook