La giunta approva otto nuove intitolazioni toponomastiche: Boeri “siamo tutti più ricchi”

Milano ora ha otto nuove intitolazioni nella propria toponomastiva, a seguito dell’approvazione dellaa Giunta di Palazzo Marino, su proposta degli assessorati alla Cultura e allo Sport del Comune di Milano.
Ecco quali sono:
Alla giornalista e scrittrice Camilla Cederna (Milano, 21 gennaio 1911 – Milano, 5 novembre 1997), redattrice per il settimanale L’Europeo dal 1945 al 1955, inviata per L’Espresso dal 1958 al 1981, collaboratrice di Panorama negli anni Novanta, sarà dedicato il giardino all’interno di piazzale Baracca.
A Giuseppina detta “Nina” Vinchi (Milano, 27 marzo 1911 – Milano, 15 giugno 2009), uno dei nomi-simbolo dell’eccellenza del Piccolo Teatro nel mondo, il Comune di Milano dedicherà il giardino adiacente a corso Garibaldi e via Tommaso da Cazzaniga.

La poetessa, scrittrice, giornalista e pittrice Graziella “Lalla” Romano, (Demonte, 11 novembre 1906 – Milano, 26 giugno 2001), legata al movimento Giustizia e Libertà e impegnata nei “Gruppi di difesa della donna”, saranno intitolati gli spazi verdi posti in via Brera adiacenti all’omonima piazzetta.
A Giuseppe Lazzati (Milano, 22 giugno 1909 – Milano, 18 maggio 1986), professore, politico e rettore dell’Università Cattolica dal 1968 al 1983, sarà dedicato il giardino compreso tra le vie Leone XIII, Vincenzo Monti e Savoia Cavalleria Reggimento.
Ad Aldo Aniasi (Palmanova, 31 maggio 1921 – Milano, 27 agosto 2005), Sindaco di Milano dal 1967 al 1976, la Giunta ha deliberato di intitolare il parco posto tra l’intersezione di via Novara con via Cascina Bellaria e a nord con via Ferdinando Giorni (parco di Trenno).
A Federico Mauro, il bambino scomparso nel marzo 2011 per una grave malattia, sarà invece legato il parco giochi di via Silla.
A Jiri Pelikan (Olomouc, 7 febbraio 1923 – Roma, 26 giugno 1999), europarlamentare, giornalista e politico, protagonista della “Primavera di Praga” ed esule in Italia, sarà intitolato il passaggio conseguente via Zamenhof e compreso tra via Balilla e via Giambologna.
Infine, il campo da pallacanestro situato all’interno dei giardini pubblici di via Dezza sarà intitolato alla memoria dell’allenatore di basket degli anni ‘50 e ’60 Mario Borella (Milano, 28 agosto 1914 – Milano, 1 febbraio 1995), impegnato anche nell’attività di formazione nel riformatorio Beccaria dove ha insegnato il basket ai detenuti.
L’assessore alla Cultura Stefano Boeri, in proposito ha detto: “Da oggi Milano ha una memoria più ricca. I nomi di Camilla Cederna, Lalla Romano, Nina Vinchi, Aldo Aniasi, Giuseppe Lazzati, Federico Mauro, Jiri Pelikan e Mario Borella, così diversi eppure tutti così importanti, si legano a luoghi che fanno parte della vita quotidiana dei milanesi. Tutti da oggi siamo più ricchi”

Sebastiano Di Mauro
1 novembre 2012

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook