Milano gareggia con Napoli nel campionato Cartoniadi: riciclo carta e cartoni

Il Campionato era stato presentato lo scorso 27 aprile presso la Sala stampa “Franco Brigida” di Palazzo Marino, alla presenza dell’assessore Pierfrancesco Maran, del Presidente di Amsa (Gruppo A2A) Sonia Cantoni, dei rappresentanti dei nove Consigli di Zona di Milano, nonchè di Carlo Montalbetti, direttore Generale della Comieco, il Consorzio nazionale recupero e riciclo degli imballaggi a base cellulosica, che come ogni anno promuove l’iniziativa.
Quest’anno la gara prevede che due grandi città, come Milano e Napoli, siano gemellate in nome della raccolta differenziata di carta e cartone.  Infatti dal  primo maggio, per tutto il mese, le due città stanno gareggiando in questo campionato della raccolta differenziata, che vede i quartieri di Milano da una parte e quelli di Napoli dall’altra. Entrambi sono chiamati a raccogliere in maniera diligente la maggiore quantità di carta e cartone possibile per aggiudicarsi il titolo di Campione del Riciclo, che prevede un premio di 50 mila euro.

Lo scopo di questa iniziativa è quello di promuovere e incentivare l’importanza della raccolta differenziata  affinchè i cittadini si impegnino di più. Per questo in ogni condominio è stato affisso una locandina, che spiega in modo analitico e chiaro come compiere al meglio i piccoli gesti quotidiani che servono per separare i rifiuti. Lo scorso anno la gara aveva stimolato la raccolta che era aumentata del 30% ma  si tende a fare sempre meglio anche a livello nazionale. Nel 2010 sette grandi città italiane, Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Firenze e Genova, hanno raccolto insieme circa l’11% del totale nazionale che è di 362.770 tonnellate di carta e cartone su un totale di 3,1 milioni.

Dopo Milano e Napoli il campionato “Cartoniadi” approderà nelle Marche dal 15 maggio al  15 giugno), in Abruzzo dall’1 al 30 giugno, per poi proseguire in diverse altre località dello stivale nei mesi successivi.
Per contribuire alla raccolta bisogna tener presente poche e semplici regole:
1. selezionare correttamente carta e cartone togliendo nastri adesivi, punti metallici e altri materiali non cellulosici (ad es. il sacchetto in cellophane che avvolge le riviste);
2. appiattire le scatole e comprimere gli scatoloni per ridurre gli imballi grandi in piccoli pezzi;
3. non abbandonare fuori dai contenitori carta e cartone;
4. non buttare la carta insieme al sacchetto di plastica usato per trasportarla fino al contenitore;
5.  non mettere nella raccolta differenziata gli imballaggi con residui di cibo o terra perché generano cattivi odori, problemi igienico sanitari e contaminano la carta riciclabile;
6. non conferire nella differenziata i fazzoletti di carta usati: sono quasi tutti anti-spappolo e quindi difficili da riciclare;
7. non buttare gli scontrini con la carta: i più comuni sono fatti con carte termiche i cui componenti reagiscono al calore generando problemi nelle fasi del riciclo; la carta oleata (es. carta per affettati, formaggi e focacce)
8. la carta oleata (es. carta per affettati, formaggi e focacce) non è riciclabile;
9. non gettare nella raccolta differenziata la carta sporca di sostanze velenose (es. vernici, solventi etc.) perché contamina la carta riciclata;
10. seguire sempre le istruzioni del Comune per fare correttamente la raccolta differenziata.

Sebastiano Di Mauro

9 maggio 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook