Ascoltato grido d’aiuto di una giovane madre che non può seppellire il proprio figlio

Ascoltato grido d’aiuto di una giovane madre che non può seppellire il proprio figlio

donna disperataBRESCIA – Una donna marocchina di 19 anni che, pur così giovane, sta vivendo un dramma per il dolore più grande che può toccare ad una donna,  lancia un grido d’aiuto: “Non ho i soldi per seppellire mio figlio”.

La giovane donna risiede in provincia di Brescia e il mese scorso ha partorito un bimbo prematuro in seguito ad un incidente. Il piccolo Yousef è deceduto all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo e da a allora è rinchiuso in una camera mortuaria.

Ora grazie alla solidarietà scattata a seguito dell’annuncio dell’Eco di Bergamo, che ha raccolto il grido di questa donna e lanciato un appello i propri lettori, per una raccolta di fondi attraverso il suo sito, che si è conclusa alle 12.30 di oggi, il piccolo potrà trovare degna sepolutura.

Uno dei primi a rispondere è stato un avvocato di Milano, che ha offerto 750 euro, denaro  che va ad aggiungersi alla somma,  precedentemente donata, del Comune di Cologne e alle migliaia di piccole e grandi offerte, che permetteranno a Maryam di seppelllire il proprio bambino ed elaborare serenamente il suo lutto.

Sebastiano Di Mauro
13 dicembre 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook