Guglielmo Spotorno. Tra Surreale e Reale

Guglielmo Spotorno. Tra Surreale e Reale

La Fondazione Stelline dal 20 novembre al 7 dicembre ospita per la Sezione – Stelline Spazio Aperto la mostra antologica “Guglielmo Spotorno. Tra Surreale e Reale. Opere dagli anni ‘70”

spotornoSpiccano i lavori degli anni Settanta e Ottanta, dove l’attenzione è rivolta a tematiche legate al mondo naturale; lo si vede nelle opere dai colori intensi e cariche di movimento come Landscape in the sea (1975) e Evolution in the sea (1975) della serie “Profondità marine” e in quelle dai colori più tenui di Libellule pietrificate (1980) della serie “Insetti”, dove l’occhio dell’artista diventa una ‘lente’.

Nei lavori degli anni successivi un maggiore interesse è dedicato ad aspetti più concettuali descritti con un’armonia geometrica e un ritmo serrato, come si osserva nelle serie “Surreale” e “Informale”. “New economy”, “Città Umanizzate”, “Ritorno alla poesia” realizzate nell’ultimo decennio, esprimono un nuovo orientamento della poetica dell’artista indirizzata al mondo e alla società contemporanea, all’evoluzione tecnologica, oltre a significativi momenti storici della nostra epoca. A questo proposito sono da ricordare 11 Settembre (2014), Pechino (2014), Black sun (2014) e Tsunami (2013) in cui ritorna la riflessione sulla natura, ma in riferimento alla sua violenza devastatrice. Non mancano opere legate al rapporto quotidiano tra uomo e mondo virtuale, tra cui Uomo al computer (2011), Web (2014) e Anche i cigni twittano (2013) che rivela un sottile senso ironico. Le opere di Guglielmo Spotorno entrano in sinergia con le poesie che ha scritto negli stessi anni. La raccolta sarà pubblicata e distribuita in occasione della mostra.

L’espressione pittorica di Guglielmo Spotorno (Milano, 1938) inizia in giovane età, a dodici anni, frequentando la Galleria d’arte di sua madre, già scultrice, luogo d’incontro di artisti e critici tra i più importanti dell’epoca, fra cui Arturo Martini e Felice Casorati.
In seguito ha studiato e frequentato maestri dell’avanguardia italiana e internazionale come Lam, Jorn,
Fontana, Baj e Sutherland.
Un viaggio dove Spotorno naviga il conoscere tra ragionevoli dubbi e prepotenti emozioni.

di Fabio Colucci
18 novembre 2014

La scheda: A cura di Luciano Caprile e Elena Pontiggia
Sede Fondazione Stelline – Sala del Collezionista – c.so Magenta 61, Milano
Date 20 novembre – 7 dicembre 2014
Inaugurazione mercoledì 19 novembre, ore 18.30
Orari martedì – domenica dalle 10 alle 20 – ingresso libero
Info pubblico tel. 02 45462.411
www.stelline.it

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook