“Rinasce” l’antico percorso delle acque del Naviglio nel centro di Milano

“Rinasce” l’antico percorso delle acque del Naviglio nel centro di Milano

“La Cerchia in scala 1 a 1”, nuovo itinerario per Expo. De Cesaris: “Restituiamo a milanesi e turisti la memoria storica e culturale dei Navigli”

naviglio-milanoMilano  – Prende il via il progetto della Giunta  “La Cerchia in scala 1 a 1”,  che riprodurrà “Onde” dipinte sulla pietra e sull’asfalto con colori naturali ed ecologici, totem e pannelli informativi con codici digitali QR accessibili con Smartphone. Così  rivivrà l’antico Naviglio interno al centro storico, che sarà riprodotto esattamente in scala 1 a 1 sulla pavimentazione stradale dalla Darsena fino al Naviglio Martesana a Cassina de’ Pomm: un nuovo itinerario “da acqua ad acqua” di valorizzazione della città e del territorio anche in vista di Expo 2015.

Il progetto, curato dall’architetto Umberto Vascelli Vallara e dal professor Emilio Battisti, è legato allo studio di fattibilità per la riapertura dei Navigli, già oggetto di una convenzione tra Comune e Politecnico di Milano,  verrà relaizzato dal Comune in collaborazione con Atm e associazione Navigli Lombardi. I costi saranno interamente sostenuti dai privati e quindi a  costo zero per l’Amministrazione comunale.

Il vicesindaco con delega all’Urbanistica Ada Lucia De Cesaris, di questo progetto ha detto: “Vogliamo restituire ai milanesi e ai turisti la memoria storica e culturale dei Navigli già a partire da Expo 2015,  mostrando al mondo l’antico percorso delle acque, che sono un patrimonio e un simbolo dell’identità della nostra città”.

Il tracciato del Naviglio, un tempo navigabile nel centro di Milano, sarà riprodotto sulla pavimentazione stradale con speciali pitture ecosostenibili: “onde” azzurre, corrispondenti esattamente per dimensione e collocazione all’antico percorso delle acque, saranno dipinte per terra, su pietra e asfalto. Non solo: in alcuni punti strategici dell’itinerario – quali, ad esempio, la Darsena, viale Gorizia, via De Amicis, corso di Porta Ticinese, piazza Vetra, giardini della Guastalla, via Senato, piazza Cavour, corso di Porta Garibaldi, viale Monte Grappa, via Melchiorre Gioia, le Conche, il Naviglio Martesana – saranno posizionati totem e pannelli informativi con QR Code, accessibili con Smartphone, corredati da testi, immagini, disegni, fotografie d’epoca per approfondire la storia della Cerchia.

Milanesi e turisti potranno finalmente (ri)scoprire, nella sua reale dimensione e ubicazione, lo scenario entro il quale scorrevano le acque dell’antica Cerchia prima della copertura realizzata nel 1929. Dal passato al presente, la trasformazione nel tempo della città dei Navigli sarà testimoniata anche dagli interventi di riqualificazione e valorizzazione già in atto o programmati dall’Amministrazione comunale per la Darsena e le Conche dell’Incoronata e di Viarenna.

Redazione Milano
12 ottobre 2014

 

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook