Incidente in montagna: quattro alpinisti muoiono precipitando in un crepaccio di Valmasino

Incidente in montagna: quattro alpinisti muoiono precipitando in un crepaccio di Valmasino

soccorso-alpinoUn tragico incidente è avvenuto ieri in una delle principali vette della Valtellina, sul monte Disgrazia in Val Masino.

I quattro sfortunati escursionisti facevano parte di un gruppo di sei persone sono morti, quattro dei quali sono precipitati in un crepaccio. Le vittime, tutte fra i 46 e i 50 anni, tutti provenienti dalla provincia di Monza sono Alberto Peruffo, 51 anni, di Veduggio (Monza Brianza); Giuseppe Ravanelli, 46 anni, di Monza; Giuseppe Gritti, 46 anni, di Mezzago (Monza Brianza) e Mauro Mandelli, 46 anni, di Brugherio (Monza Brianza). Facevano tutti parte dei Cai di Solbiate Molgora (Como).

All’arrivo il tempo era pessimo, con nebbia, pioggia e neve, e la scalata della roccia si presentava difficile, tanto che due dei sei componenti il gruppo, un uomo e una donna, hanno desistito, mentre rimanenti quattro hanno proseguito, nonostante le avverse condizioni atmosferiche.

L’impresa sarebbe dovuto essere un allenamento ad una scalata al Monte Bianco, che il gruppo di alpinisti stava preparando, ma arrivati a quota 2.900 metri i quattro sono andati incontro alla sciagura. Pare che uno dei quattro alpinisti è scivolato trascinando gli altri tre alpinisti, che erano con lui in cordata, in un crepaccio dopo un volo di alcune decine di metri.

L’allarme è  scattato alle 10.30 e sul posto è intervenuta una squadra del Soccorso Alpino, che avrebbe trovato ancora in vita uno dei quattro, ma non si è riusciti a salvargli la vita. L’intervento dell’elisoccorso però è stato difficile  per le avverse condizioni meteo e i corpi dei quattro sfortunati sono stati recuperati solo nel pomeriggio.

Ora i militari della Gdf e dei Carabinieri della caserma di Ardenno (Sondrio) stanno svolgendo tutti gli accertamenti per ricostruire i fatti che hanno portato alla sciagura.

Sebastiano Di Mauro
1 settembre 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook