Aumenta la qualità della vita a Milano. Sono 633 gli ultracentenari in città

ultracentenari-in-cittàMILANO – In crescita del 10% nel 2014 il numero dei centenari in città, che in due anni sono passati da 573 a 633. Tra questi si conferma la netta prevalenza delle donne (557), che rappresentano l’88% del totale, sugli uomini (71). Dei 633 milanesi che hanno già superato il secolo – rende noto il comune di Milano – sono 172 quelli nati proprio cent’anni fa, nel 1914, 170 coloro che hanno raggiunto quota 101, 136 che ne hanno compiuti 102.

Ci sono poi 58 persone con 103 anni, 45 con 104 e 23 con 105. Infine i più anziani: in 14 hanno 106 anni, in 10 ne hanno 107, 3 sono a quota 108 e 2 compiono 109 anni. Tra tutti, la più anziana è una donna nata a Milano il 9 giugno del 1905, mentre la più ‘giovane’ è nata il 20 agosto del 1914 nella provincia di Cremona e risiede a Milano dal 1954. Una curiosità: sono solamente 5 (3 donne e 2 uomini) i centenari non italiani: 3 tedeschi, un’austriaca e uno svizzero.

Passando poi ad analizzare più in generale l’età media dei milanesi, si nota un leggero calo: se infatti due anni fa era di 45,5 anni, oggi tra maschi e femmine la media è diventata di 45,4. La fascia di età più corposa (il 17% del totale) resta sempre quella compresa tra i 41 e i 50 anni (228.596 residenti), seguita dalle persone tra i 31 e i 40 (192.346) e da coloro che stanno tra i 51 e i 60 (175.360).

Guardando ai più piccini si scopre che sono molti più i bimbi nati tra il 2004 e il 2014 (125.880), e che dunque oggi hanno tra gli 0 e i 10 anni, rispetto a quelli nati nel decennio precedente: la fascia 11-20 anni (dunque con anni di nascita tra il 1994 e il 2003) è “occupata” da 107.680 ragazzi e ragazze.

Le donne e gli uomini con la media di età più bassa (46,1 anni le prime e 41,8 i secondi) prediligono la Zona 2 di Milano. Al contrario, gli uomini con la media di età più alta (44,2 anni) si trovano per lo più in Zona 6, mentre per le donne (48,7 anni) in questo caso vince la Zona 8.

Redazione Milano
23 agosto 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook