Assegnati gli spazi ex-Andaldo di Via Tortona. Un hub internazionale delle creatività

Assegnati gli spazi ex-Andaldo di Via Tortona. Un hub internazionale delle creatività

area-ex-ansaldoSi è conclusa oggi la gara per l’assegnazione degli spazi nell’area ex Ansaldo che ha visto due partecipanti: l’Ati con capo fila l’Associazione Aprile e la società M.Seventy srl. Ad aggiudicarsi gli oltre 6mila metri quadri della struttura con affaccio su via Tortona 54, l’associazione temporanea d’imprese costituita da cinque realtà: Associazione Culturale Aprile, Acca Più srl, Avanzi srl, Make a Cube srl e Arci Milano.
L’assessore alle Politiche del Lavoro, Sviluppo economico, Moda e Design Cristina Tajani in merito ha commentato: “Un progetto che finalmente permetterà a Milano di dotarsi di uno spazio totalmente rivolto alla creatività e alla sue molteplici declinazioni da quella strettamente imprenditoriale a quella più ricreativa”. Aggiungendo: ”La qualità e l’alto profilo dei  due progetti finalisti dimostra ancora una volta l’interesse  e la vitalità degli operatori privati nel collaborare con il Comune nel segno di una città che nella condivisione trova la sua espressione e le condizioni migliori rispondere alle evoluzioni del lavoro e della produzione culturale e creativa”.
L’assessore alla Cultura Filippo Del Corno, invece ha detto: “Termina oggi un percorso importante, che questa Amministrazione ha avviato con un periodo di sperimentazione promosso dall’Assessorato alla Cultura e che si è concluso con un progetto innovativo ma sempre nel solco della precedente esperienza, segno che la vocazione culturalmente ‘meticcia’ del luogo, proposta in un primo tempo come sperimentale, corrisponde realmente all’identità di questo straordinario spazio.
Così creatività, cultura e impresa trovano spazio in via Tortona, che come dice sempre l’assessore Del Corno, è testimone di un pezzo di storia importante nella vita della nostra città e che resta un bellissimo esempio di archeologia industriale.
Particolarmente apprezzate l’interazione e la  complementarietà tra lo sviluppo, ai piani superiori della struttura, di attività  dedicate al coworking, all’incubazione e alla produzione di idee con gli eventi, le   esposizioni e   le manifestazioni che avverranno ai piani sottostanti per diffondersi poi a tutta la città, in un processo di scivolamento dalla creatività alla collettività.
Previste  inoltre iniziative nel campo delle performing arts, passando dal cinema al design sino ai nuovi linguaggi digitali oltre alla realizzazione di   aree dedicate al settore creativo: dalla comunicazione alla grafica e dalla pubblicità alle produzioni audio-video.
La durata della concessione dell’immobile (piano interrato – terra – ammezzato e primo del lotto B) è di 12  anni e le attività, nella parte dei locali già pronti all’uso, prenderanno il via da novembre 2014.
Per la riqualificazione e l’allestimento degli spazi il Comune metterà a disposizione un contributo nella misura massima del 50% delle spese sostenute  del concessionario, per un importo massimo di 1.800.000 euro.

Redazione Milano
10 luglio 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook