Apre Flybeard, lo store del brand creato da Davide Moscardelli

Apre Flybeard, lo store del brand creato da Davide Moscardelli
Davide Moscardelli - creatore del brand “Flybeard”

Davide Moscardelli - creatore del brand “Flybeard”
Davide Moscardelli – creatore del brand “Flybeard”

Che fosse un personaggio unico in molti lo hanno capito a prima vista. Che potesse creare un vero e proprio brand giocando sui tratti distintivi del suo viso, invece, in pochi lo avrebbero immaginato. Davide Moscardelli, centravanti ex Chievo e Bologna, si è fatto notare ancora una volta, questa volta in un campo diverso da quello da calcio: quello della moda.

Ispirato dalla sua folta barba e da un gruppo di fans che ha saputo sottolinearne simpaticamente la sua eccentricità attraverso i social networks, Moscardelli ha creato una vera e propria linea d’abbigliamento personale, la “Flybeard”.

Un brand che punta tutto sulla simpatia, qualità che l’attaccante incarna in maniera unica e che lo ha portato a conquistare migliaia di tifosi in tutta Italia. Si tratta, invero, di un’operazione di simpatia, più che di marketing, come piace ricordare allo stesso Moscardelli, ovviamente presente all’inaugurazione del nuovo store “Flybeard” di via Vigevano 11 a Milano.

Un marchio che il giocatore, attualmente svincolato e in cerca di una sistemazione, spera di poter far crescere in maniera almeno pari alla sua popolarità, ma che sarà inevitabilmente legato al proseguo della sua carriera calcistica, che per lui rimane naturalmente prioritaria. Al bomber, infatti, non dispiacerebbe intraprendere un’esperienza in qualche squadra estera, il che comporterebbe l’impossibilità fisica di dedicarsi allo sviluppo del brand.

Situazione, questa, che si inserisce in maniera logica all’interno della ratio ispiratrice dell’iniziativa, la quale, avulsa da un intento precipuamente lucrativo, nasce per puro divertimento, come confermato dallo stesso Moscardelli.

Un modo originale per rendere omaggio ai tanti fans che hanno imparato ad apprezzare l’uomo Moscardelli per la disponibilità e la simpatia, prima che per le sue prestazioni calcistiche, e che fa onore ad un personaggio che ha la grande capacità, rara al giorno d’oggi, di non prendersi mai troppo sul serio e di saper giocare col proprio aspetto.

Giuseppe Ferrara
8 giugno 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook