Sipario Giazz: serata musicale al Teatro Oscar di Milano

Sipario Giazz: serata musicale al Teatro Oscar di Milano

SiparioGiazz_Artchipel_F.Farao`Il 30 maggio al Teatro Oscar di Milano, con “Sipario Giazz” e l’Artchipel Orchestra di Ferdinando Faraò si chiuderà la rassegna musicale “Invasione di campo – Milano lo sa?” . La serata ad alto contenuto jazz, nata nell’ambito di un progetto di musica in teatro, per il teatro, che QuindiQuando in collaborazione con PACTA dei Teatri organizza per il secondo anno consecutivo, con l’obiettivo di innovare e contaminare, cercando di integrare la musica e renderla viva nella coscienza del luogo dove si svilupperà..

Il repertorio della serata presenta brani della scena della brit-prog anni ‘70, come Mike Westbrook, Alan Gowen, Fred Frith, Dave Stewart e i Soft Machine, ripresi e riarrangiati dal Maestro Faraò. Premiata come miglior formazione dell’anno al Top Jazz 2012, l’Artchipel orchestra, poliedrico collettivo musicale, è formata da giovani leve e nomi affermati della scena jazz milanese, in un mix d’ispirazione per gli appassionati del genere così come per i novizi.

“Si tratta di una grande formazione composta da isole musicali, sulle quali si inseriscono di volta in volta i solisti, formando una sorta di arcipelago sonoro in bilico tra scrittura e improvvisazione. Il risultato finale è sempre di forte identità e di grande impatto scenico” spiega Ferdinando Faraò, batterista, compositore, arrangiatore e Direttore d’orchestra.

Redazione Spettacolo
26 maggio 2014

Foto Michele Boffilo

INFO
Teatro Oscar, Via Lattanzio 58, 20137 Milano
MM3 – Staz. Lodi T.I.B.B. | Tram: linea 16 Fermata Tito Livio – Lattanzio | Filobus: linea 92 – Fermata Umbria – Comelico
Informazioni
www.pacta.org | e-mail: [email protected] – [email protected] | tel: 02.36503740
Orari biglietteria: LUN-SAB 16.00-19.00 e 19.30-21.00 l DOM dalle 15.30 a inizio spettacolo
Orario spettacolo: ore 21.00
Biglietti: intero 15,00€ – gruppi (min. 8 persone) 10,00€ – bambini (0 – 14) 5,00€

 

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook