L’occupazione abusiva del Lirico costerà 20 mila euro ai milanesi

L’occupazione abusiva del Lirico costerà 20 mila euro ai milanesi

occupazione-teatro-liricoI tecnici del Comune di Milano hanno fatto un sopralluogo nella sede del Teatro Lirico, oggetto di una occupazione abusiva, da parte di ignoti il 12 e 13 maggio, ed il risultato è che i vandali hanno provocato danni per circa 20 mila euro, danni che sarebbero stati oltre 5 volte superiori se sul sito non fosse previsto, come è noto, una radicale ristrutturazione per ridare il Teatro ai Milanesi, che ora dovranno farsi carico anche dei danni provocati.

Maria Carmela Rozza, Assessore ai Lavori pubblici e Arredo Urbano, in merito ha affermato: “Mi spiace che, pur avendo condiviso il motivo della protesta, la stupidità di questi soggetti abbia prodotto un danno alla città. Si protesta nel rispetto della legge se si vuole avere ragione, in questo modo invece si ha torto. I cittadini sappiano che a causa di questa iniziativa dovranno sborsare 20 mila euro per il Lirico, luogo simbolo di Milano che questa Amministrazione vuole restituire alla città e per il quale ha già presentato il progetto di restauro con un forte impegno economico adeguato al valore di quello spazio”.

I danni riscontrati riguardano, in particolare: graffiti e manifesti incollati sulle facciate di via Larga e via Rastrelli; graffiti sui rivestimenti lapidei del foyer e della biglietteria, sulla balconata del primo ordine dei palchi e su diverse superfici del teatro; incollati manifesti al piano terra e sulla balconata del primo ordine di palchi; danni sugli impianti elettrici e sui cavi di alimentazione. Sono stati asportati parte degli estintori ed un altra parte è stata scaricata. Risultano altresì manomesse le porte di ingresso di via Larga e di via Rastrelli, la distruzione di due cassette di pronto soccorso e la rimozione di tendaggi e tessuti dal retropalco. Infine non tascurabile l’ingente mole di detriti, manifesti e cibo, trovata al piano terra.

Sebastiano Di Mauro
25 maggio 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook