Il 2014-15 al Piccolo Teatro di Milano: la “Lunga Stagione” per Expo

Il 2014-15 al Piccolo Teatro di Milano: la “Lunga Stagione” per Expo

Stagione sensazionale quella che si prospetta al piccolo tra il 2014 e il 2015 in occasione della rassegna dell’Expo in città, artisti da tutto il panorama internazionale e spettacoli anticipati alle 19,30 il Giovedì.

Luca-ronconiÈ una stagione davvero speciale quella 2014-2015 presentata oggi nello Studio Melato alla presenza del Presidente del Piccolo Sergio Escobar, del Maestro Luca Ronconi, del Sindaco Giuliano Pisapia degli assessori alla cultura per la Provincia e il Comune di Milano nonché ai partners sostenitori della Camera di Commercio e della Fondazione Cariplo. La sessantottesima dalla fondazione.
Il Piccolo Teatro di Milano – Teatro d’Europa, fedele alla sua natura internazionale, si prepara al grande evento di Expo 2015 con uno sforzo straordinario, allestendo una stagione teatrale “più lunga” che comprende l’intero semestre dell’Esposizione universale, anche i mesi estivi. Una stagione, quindi, che si aprirà nel settembre di quest’anno per concludersi nell’ottobre 2015, senza interruzioni estive.
Sei nuove produzioni, quattro titoli di ripresa e altrettante produzioni per bambini.
Nei 184 giorni Expo, dal 1° maggio al 31 ottobre 2015, saranno oltre 250 gli appuntamenti di spettacolo nelle tre sale Strehler, Studio Melato, Grassi e al Chiostro di via Rovello, la “quarta sala” del Piccolo aperta anche ad agosto con teatro per tutti, musica, cinema.
Il motivo conduttore della Stagione 2014-2015 sono i legami teatrali. Legami con le nuove geografie culturali e con le lingue (non solo quelle europee, non solo il cinese o il farsi o il russo, ma anche il veneziano, i “napoletani”, il siciliano); legami con i classici e con la drammaturgia contemporanea, che quest’anno, con una serie di titoli, si fa “osservatorio sul presente” sul tema della legalità.
Luca Ronconi presenta Lehman Trilogy di Stefano Massinie Le donne gelose diCarlo Goldoni entrambi con lunghe teniture: sette settimane con più di 40 recite ciascuno. Oltre a Ronconi sono di scena per le nuove produzioni del Piccolo Damiano Michieletto, che cura la regia di Divine parole di Ramón María del Valle-Inclán, in calendario per 30 recite;Marco Rampoldi, con E io dico no, testo dello stesso Rampoldi e di Nando dalla Chiesa, 16 repliche; Guido Ceronetti, con Quando il tiro si alza; Marco Baliani, che dirige la coproduzione Il sogno di una cosa.
Per il teatro internazionale – si ascolteranno lingue e suoni dal mondo per 120 recite – si alternano grandi nomi come Joël Pommerat, Ivo van Hove, Lev Dodin, Claudio Tolcachir, Daniele Finzi Pasca, mentre vengono ripresi importanti successi coprodotti dal Piccolo: Odyssey diretto da Robert Wilson, Le voci di dentro con Toni e Peppe Servillo, il sempre applauditissimo Arlecchino con Ferruccio Soleri e Natale in casa Cupiello con Fausto Russo Alesi.

Ecco in sintesi, gli appuntamenti della stagione 2014-2015:
Luca Ronconi dirige:
Lehman Trilogy di Stefano Massini (dal 29Gennaio 2015 al 15 Marzo 2015) e Le Donne Gelose di Carlo Goldoni (dal 26 Maggio 2015 al 14 Giugno 2015 e dal 22 Ottobre 2015 al 15 Novemvre 2015)

Damiano Micheletto dirige:
Divine Parole di Ramòn Maria del Valle-Inclàn (dal 25 Marzo 2015 al 30 Aprile 2015)

Marco Rampoldi dirige:
E io dico no. Ogni notte ha un’altra alba, il teatro per un paese liberato dalle mafie di Nando dalla Chiesa e Marco Rampoldi (dal 4 al 21 Dicembre 2014)

Carlo Boccadoro dirige:
Il sogno di una cosa, Opera per il quarantennale della strage di Piazza della Loggia di Brescia (Dal 6 al 9 Novembre 2014).

Guido Ceronetti dirige:
Quando il tiro si alza.
When the harrage liftsIl sangue d’Europa: 1914-1918

Robert Wilson dirige:
Odyssey
(dal 6 al 31 Ottobre 2015)

Toni e Peppe Servillo per un mese allo Strehler con Le voci di dentro di Eduardo De Filippo, diretto e interpretato da Toni Servillo, affiancato in scena dal fratello Peppe e da una straordinaria compagnia di attori napoletani di diverse generazioni.

Ospitalità dal mondo
Apre la serie delle ospitalità internazionali Joël Pommerat con Cendrillon (Cenerentola) nella quale il grande regista francese esplora i lati oscuri di una fiaba che pensavamo di conoscere a memoria. Ivo van Hove, dall’Olanda, porta il dittico Dopo la prova – Persona, tratto dai capolavori cinematografici di Ingmar Bergman, mentre dal Maly di San Pietroburgo arriva Intrigo e amore, nel quale Lev Dodin trasforma il dramma di Friedrich Schiller in un’amara riflessione sulla politica. Altro appuntamento russo, ma per gli spettatori più piccoli, è il festival Flowers of Russia. Presenti poi l’Argentina, con Emilia scritto e diretto da Claudio Tolcachir; l’Iran con Hamlet, adattamento del capolavoro scespiriano del Quantum Theatre di Teheran; Israele, con Avanim (Pietre) spettacolo dell’Orto-Da Theatre Group sulla rivolta del Ghetto di Varsavia, nel 70° del Giorno della Memoria; Svizzera, con La Verità scritto e diretto da Daniele Finzi Pasca. In esclusiva per il Piccolo dalla Spagna arriva Resilienza d’amore, recital di Rossy de Palma, e dalla Shanghai Theatre Academy il trittico Miss Julie, Confucius Project e Matteo Ricci. Il festival internazionale della nuova drammaturgia Tramedautore prosegue il suo itinerario in Eurasia, Cina e America Latina. Da ricordare infine gli appuntamenti con Milano incontra la Grecia e con Milanoflamencofestival.

Collaborazioni e ospitalità Italiane
Prosegue con entusiasmo la collaborazione del Piccolo con quattro affermate realtà artistiche nel campo della musica, delle marionette, del balletto e del teatro in lingua inglese. Per Jazz al Piccolo – Orchestra senza confini sono cinque gli appuntamenti con la Civica Jazz Band diretta da Enrico Intra. Due i titoli proposti dalla Compagnia Marionettistica Carlo Colla & Figli: Il pifferaio magico e Turandot, entrambi diretti da Eugenio Monti Colla. Tre gli appuntamenti con la grande danza di Aterballetto: la nuova coreografia di Andonis Foniadakis, in prima mondiale; Romeo and Juliet e Certe notti (ispirato alle canzoni e alle poesie di Ligabue) di Mauro Bigonzetti. Tre gli spettacoli in lingua inglese del Charioteer Theatre diretto da Laura Pasetti: To be… or Note!, Shakespeare Vs. Shakespeare e Light Killer. Il lungo elenco delle ospitalità italiane spazia, a inizio stagione, da Beatles Submarine diretto da Giorgio Gallione, con Neri Marcorè e la Banda Osiris a Dolore sotto chiave di Eduardo de Filippo con la regia di Francesco Saponaro; da Una giovinezza enormemente giovane di Gianni Borgna, regia di Antonio Calenda, con Roberto Herlitzka al pirandelliano Enrico IV diretto e interpretato da Franco Branciaroli. Seguono in ordine cronologico: Le Troiane. Frammenti di tragedia da Euripide, con Manuela Mandracchia, Alvia Reale, Sandra Toffolatti e Mariangeles Torres; Passione, tratto da un romanzo di Giovanni Testori, con Maddalena e Giovanni Crippa, regia e drammaturgia di Daniela Nicosia; Cirino e Marilda non si può fare di e con Anna Marchesini. Mimmo Borrelli è l’interprete, nel suo straordinario idioma, popolare e insieme letterario, di Malacrescita, di cui è anche autore, al quale seguono quattro spettacoli che fanno parte del percorso “Osservatorio sul presente: la legalità”: Dopo il silenzio, tratto da Liberi tutti di Pietro Grasso con Mariangela D’Abbraccio e Sebastiano Lo Monaco; San Vittore Globe Theatre, con la partecipazione dei detenuti del carcere milanese; Ridendo e pensando, a cura di Marco Rampoldi; Errare humanum est, il carcere minorile spiegato ai ragazzi con i giovani detenuti dell’Istituto Penale Cesare Beccaria e la compagnia PuntoZero.
Seguono: Sinfonia d’autunno di Ingmar Bergman diretto da Gabriele Lavia, con, tra gli altri, Anna Maria Guarnieri; Otello diretto da Luigi Lo Cascio, che lo interpreta con Vincenzo Pirrotta, Ballata di uomini e cani di e con Marco Paolini. Michele Placido è l’interprete di Re Lear, di cui cura anche la regia con Francesco Manetti; e Umberto Orsini è il coprotagonista con Alvia Reale del pirandelliano Il giuoco delle parti, regia di Roberto Valerio. Il cartellone prosegue con Father and Son di Michele Serra, ispirato a due suoi libri e interpretato da Claudio Bisio con la regia di Giorgio Gallione; La belle joyeuse con Anna Bonaiuto diretta da Gianfranco Fiore.
Di scena, ancora, Peppe e Toni Servillo con i Solis String Quartet in La parola canta, musica poesia e canzoni che celebrano l’eterna magia di Napoli; Iaia Forte e l’Orchestra di Piazza Vittorio in una originalissima Carmen diretta da Mario Martone; Pino Micol nel goldoniano La bottega del Caffè diretto da Maurizio Scaparro.
Nelle ultime settimane di Expo 2015 sono in calendario Lampedusa Beach – Trilogia del Naufragio, testo e regia di Lina Prosa; Darling (Ipotesisull’Orestea) di Ricci/Forte; Elena di Euripide con Giorgia Senesi, regia e drammaturgia di Guido De Monticelli e Francesco Povero, con i ragazzi della Compagnia San Patrignano e iSanpaSingers diretti da Pietro Conversano.
Per il balletto, come sempre, il doppio appuntamento con la Scuola di Ballo Accademia Teatro alla Scala.
Per Expo 2015 Il chiostro Nina Vinchi di Via Rovello diventa quarta sala.
Il Chiostro di Via Rovello “quarta sala” del Piccolo per Expo. Sempre aperto, anche nell’agosto 2015, ospiterà una “stagione nella stagione” con decine di appuntamenti: musica dal vivo con Enrico Intra e i musicisti dei Civici corsi di Jazz, capolavori del cinema muto accompagnati al pianoforte dal Maestro Intra, ancora cinema all’aperto con grandi film tra teatro e sport. E poi i laboratori spettacolo per tutte le età per scoprire mondi affascinanti: le marionette della Compagnia Marionettistica Carlo Colla & Figli (a cura di Eugenio Monti Colla, che presenta anche una mostra dedicata alla Fabbrica del Duomo); le maschere e i segreti della Commedia dell’Arte, a cura di Stefano de Luca; e i “pani del mondo” con Antonio Catalano e Flavio Albanese.
Tutti gli appuntamenti al Chiostro sono a ingresso gratuito.
Cinema, Musica e Scienza. Numerosi, come tradizione, gli appuntamenti al Piccolo con il cinema, la musica, la scienza: Milano Film Festival, MITO Settembre Musica, Milano Musica, Milano per Gaber, Souq Film Festival, Festival Mix Milano, Teatro Scienza.

Per uteriori informazioni:

www.piccoloteatro.org e www.piccoloteatro.tv

di Fabio Colucci
9 maggio 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook