Convegno sul finanziamento della cultura, al Franco Parenti di Milano

Convegno sul finanziamento della cultura, al Franco Parenti di Milano

finanziare-la-culturaSarà l’ex ministro per i Beni culturali Francesco Rutelli a presiedere il convegno dal titolo «Finanziare la cultura. Le risorse pubbliche necessarie, le risorse private possibili», che si terrà il 12 maggio al Teatro Franco Parenti di Milano.

Il convegno è promosso dall’associazione Priorità Cultura e avrà un fitto programma, introdotto dal presidente Rutelli e prevede l’intervento di Severino Salvemini dal titolo «Andare oltre il mecenatismo e la sponsorizzazione. Perché gli investimenti culturali fanno bene alle imprese».

A questo si aggiungeranno gli interventi dell’archeologo Salvatore Settis e dell’economista Pierluigi Sacco sul tema delle risorse pubbliche con due distinte relazioni, rispettivamente, la prima dal titolo «Il fabbisogno pubblico per le politiche culturali in Italia. Risorse necessarie, qualità della spesa, certezza degli investimenti» e l’altra dal titolo «Valore per la cultura, valore della cultura», che invece si concentrerà sul rapporto pubblico-privato.

Al convegno parteciperanno numerosi tra i maggiori esponenti del mondo della cultura italiana e anche dell’economia e della politica, tra cui Aldo Bassetti, Franco Bernabé, Fedele Confalonieri, Salvatore Carrubba, Moroello Diaz della Vittoria Pallavicini, Filippo Del Corno, Alberto Foà, Carlo Fontana, Nicola Zanardi e tanti altri, tutti uniti dall’obiettivo comune che è l’amore per la cultura.

Il programma prevede anche una sessione plenaria di discussione e quindi i workshop tematici nel pomeriggio.

E’ prevista la presenza del Ministro per i Beni, le attività culturali e il Turismo Dario Franceschini e il Viceministro all’Economia Luigi Casero.

Da questa giornata di studio e di lavoro scaturirà il Documento di Milano per il Finanziamento della Cultura in Italia, che sarà poi trasmesso a Governo e Istituzioni.

Redazione Milano
8 maggio 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook