Milano Celebra il 25 aprile: contestazioni per Pisapia

Milano Celebra il 25 aprile: contestazioni per Pisapia

Milan25-aprile-milanoo ha celebrato il 25 aprile, ma anche quest’anno nessun politico ha parlato alla manifestazione ufficiale.

Forte è chiara invece la voce di Carlo Smuraglia, il presidente nazionale dell’Anpi, nonostante abbia oltre novant’anni. Smuraglia dal palco in piazza Duomo, ha detto: “Bisogna riformare la politica, non la Costituzione, che invece va attuata appieno”.

L’invito di Smuraglia era rivolto a tutti, compresi i rappresentanti dei sindacati come Susanna Camusso e Luigi Angeletti, che non prendono la parola.

La piazza era gremita dal popolo della Liberazione a cui quest’anno si sono aggiunti i reduci dei campi di concentramento e i loro figli e nipoti, con le targhe dei campi dell’orrore. Inoltre i rappresentanti dei comuni milanesi con gli stendardi e la Brigata ebraica, contestata quest’anno più pesantemente del solito da uno un gruppo di filo-palestinesi, i centri sociali, i No-tav.

Poi all’altezza di via Senato, un piccolo gruppo si è intrufolato nel corteo è inizia ad insultare coloro sfilano sotto le bandiere del PD. La digos e i carabinieri hanno faticato a tenere distanti i due gruppi ed evitare la situazione potesse degenerare.

Un altro gruppo di contestatori è stato quello dei No-canal, che in piazza San Babila hanno contestato il sindaco Giuliano Pisapia, che ha risposto dicendi “Ho visto solo due persone, io ascolto la voce degli oltre tre milioni di cittadini della città metropolitana, favorevoli a fare ciò che serve”.

Anche qui, l’intervento della polizia è stato decisivo per evitare che i due fronti si scontrassero arrivassero allo scontro fisico.

Redazione Milano
26 aprile 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook