Polizia locale: da un arresto per rapina alla scoperta di un dormitorio per clandestini

Polizia locale: da un arresto per rapina alla scoperta di un dormitorio per clandestini

polizia-localeLe indagini della Polizia locale sono scaturite da un intervento avvenuto ieri pomeriggio in un negozio di alimentari in viale Brenta dove tre soggetti, presumibilmente tutti egiziani, hanno commesso una rapina irrompendo con spranghe e coltelli.

Al momento dell’irruzione, all’interno del negozio, era presente solo un commesso, un giovane egiziano. I tre rapinatori lo hanno aggredito colpendolo alla testa e cercando poi di prelevare i contanti nella cassa. Nella colluttazione, però, il registratore è caduto incastrandosi tra un mobile e il bancone di vendita e a quel punto i malviventi hanno derubato il giovane del portafogli. Durante la rapina, la pattuglia della Polizia locale, che transitava nella zona in servizio di controllo del territorio, è subito intervenuta in soccorso e ha fermato uno dei tre rapinatori, un egiziano clandestino di circa 20 anni. Gli altri due si sono dileguati velocemente alla vista degli agenti.

Dopo l’arresto, sono partite le indagini coordinate dal comandante della Polizia locale Tullio Mastrangelo. Nel tentativo di risalire ai due complici (è stato ritrovato anche il telefono cellulare di uno di loro), gli agenti hanno effettuato un’ispezione nell’appartamento in cui era ospitato il rapinatore fermato (sempre in zona Brenta) e hanno scoperto un vero e proprio dormitorio, con una decina di posti letto, destinato presumibilmente ad altri extracomunitari clandestini. Le indagini su questo punto proseguono.

Redazione Milano
24 aprile 2014

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook