Portraits of Hope – mostra fotografica di Emanuela Colombo

Portraits of Hope – mostra fotografica di Emanuela Colombo

Portraits-of-HopeLa Casa delle culture del mondo della Provincia di Milano presenta, dal 9 febbraio al 2 marzo la mostra Portraits of Hope, composto da splendide e significative fotografie di Emanuela Colombo, artista specializzata nella produzione di reportage sulle attività delle Ong in Italia e all’estero.

I lavori presentati provengono da Haiphong, terza città del Vietnam e principale porto della regione settentrionale, ma anche città con alcuni tra i più alti tassi di consumo di stupefacenti, pratica della prostituzione e diffusione del virus HIV nel Paese. Emanuela Colombo, nell’ambito di un programma di assistenza della Ong Cesvi/Cooperazione e Sviluppo Qui, ha testimoniato la situazione dei “reclusi” di Haipong. In Vietnam, infatti, tossicodipendenza e sieropositività sono considerate malattie sociali e, quindi, da curare con l’internamento in campi di correzione e reclusione. Le mogli e i figli dei “malati” vivono da emarginati a causa della vergogna di avere parenti in un campo di correzione, in alcuni casi a loro volta affetti da HIV. Nessuno si può curare, nonostante in Vietnam l’assistenza sanitaria sia gratuita per tutti, proprio per l’onta di doversi dichiarare malati di fronte all’opinione pubblica e ai familiari. Grazie al Cesvi, però, numerose famiglie sono riuscite a farsi riconoscere e ad avere accesso alle cure, con ripercussioni positive sulla salute pubblica e sulla vita comunitaria.

Emanuela Colombo ha ritratto queste persone all’interno delle loro abitazioni. Gli arredi e gli oggetti di uso quotidiano ci mostrano il senso di un lungo percorso di riabilitazione. Con i suoi scatti Emanuela restituisce dimensione sociale e di persona a questi malati.

Eleonora Franzoni
www.art4u-guida.it
9 febbraio 2014

La Casa delle culture del mondo – Via Giulio Natta 11 – Milano
Dal 9 febbraio al 2 marzo 2014
da martedì a venerdì 10 – 18.30; sabato e domenica 14 – 20 –
Ingresso libero

 

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook