Brianzafilmcorto 2011

Lo scorso 8 Ottobre al Teatro Binario7 di Monza, dinnanzi a una platea gremita di amici, appassionati e giornalisti, Leo Oliveto ha condotto la serata fra visione dei corti premiati e dei  ringraziamenti del presidente di Bmovies Paolo Marzorati, che ha annunciato i vincitori della kermesse. Per l’ocasione, l’ensemble jazz di Antonio Zambrini al piano, Alfredo Ferrario al clarinetto e Alex Orciari al contrabbasso, hanno eseguito brani ispirati alle musiche di Nino Rota di cui quest’anno ricorre il centenario.

Per la sezione Over 18 (tema libero) vince Ezio Maisto con “La currybonara”. La motivazione della giuria è stata: “per il sensibile, delicato ritratto dell’Italia che vorremmo, idealmente sospesa tra contaminazione e integrazione, tradizione e innovazione. Cucinando ironicamente gli stilemi western, il regista e sceneggiatore mette in tavola una piacevole commedia che sa di redenzione”

Mentre per la Sezione Under 18 (tema libero) vince Raffaella Traniello con “Alberi” della Classe 4B-a.s. 2008-9 Scuola Primaria “Marconi” di Roncaglia: una galleria di quadri animati, documentario poetico che non usa parole per descrivere alberi di tutte le forme, in luoghi diversi, alberi reali ed alberi fantastici, alberi di giorno e alberi di notte, alberi in diverse stagioni, alberi utili, alberi in pericolo.

Per la Sezione H2O – Acqua come bene comune: Elena Maggioni con “Ciar cumè l’acqua del Lamber”: l fiume Lambro viene oggi ricordato come uno dei fiumi più inquinati d’Italia. Ma non è sempre stato così. La bellezza di un paesaggio incontaminato quale quello della sorgente Menaresta, luogo in cui nasce il Lambro, si interseca ai racconti, ai ricordi, alle emozioni di persone che il fiume l’hanno vissuto e continuano a viverlo.

Menzione speciale a “Stand by me” di Giuseppe Marco Albano: l fiume Lambro viene oggi ricordato come uno dei fiumi più inquinati d’Italia. Ma non è sempre stato così. La bellezza di un paesaggio incontaminato quale quello della sorgente Menaresta, luogo in cui nasce il Lambro, si interseca ai racconti, ai ricordi, alle emozioni di persone che il fiume l’hanno vissuto e continuano a viverlo.

I riconoscimenti (rispettivamente 3000, 500 e 1500 Euro) sono stati consegnati direttamente ai registi Maisto e Maggioni, presenti in sala, mentre per Traniello ed Albano, trattenuti altrove da precedenti impegni, hanno ritirato i premi Vladimir Panov e Giuseppe Micò. Il presentatore è stato affiancato di volta in volta dal presidente della giuria, il giornalista e critico cinematografico Federico Pontiggia e dai membri della giuria Stefano De Felici, regista, e Giuseppe Micò, socio fondatore di Bmovies, sempre assieme a Chiara Gerosa, che ha consegnato personalmente le sculture realizzate appositamente per l’occasione.

Nessun vincitore è stato individuato per la sezione “Fantasia e Concretezza – le vocazioni di un territorio”, promossa da Provincia di Monza e Brianza e Bmovies nell’ambito del più ampio progetto Bmovies dedicherà nuove serate dedicate alla visione dei cortometraggi di quest’ultima edizione, non solo dei quattro vincitori ma di quanti più possibile fra i 106 pervenuti, tutti di livello, con alcune chicche imperdibili, ingresso gratuito: mercoledì 26 Ottobre 2011 a Seveso ospiti di Rataplan, presso Il Circolino di via al Torrente, 2 a partire dalle ore 21.00. L’ingresso è gratuito; venerdì 2 Dicembre 2011 a Sovico, ospiti dell’associazione culturale Nuova Urania, presso la Sala Civica “Aldo Moro” (nella Biblioteca di viale Brianza 4), ore 21.00. Altre sono in programmazione al Cinema Excelsior di Cesano Maderno nell’ambito della rassegna d’essay del martedì e a Monza, sempre nell’ambito delle rassegne infrasettimanali, di cui diffonderemo location e calendari precisi non appena definiti gli ultimi dettagli organizzativi.

www.brianzafilmcorto.it  e www.bmovies.it

 

23 ottobre 2011

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook