Festeggiati gli ottantantanni della premiata Pescheria Spadari

Festeggiati gli ottantantanni della premiata Pescheria Spadari

Pescheria-spadari-milanoC’è anche il mare in via Spadari”, cantavano negli  anni ’70 Cochi e Renato,famosi cabarettisti  milanesi, riferendosi alla Pescheria Spadari, la più antica di Milano. 

Situata nell’omonima via  dietro piazza Duomo , la   Pescheria Spadari festeggia quest’anno 80 anni di attività, essendo stata aperta nel 1933  da  Giovanni Battista Bolchini, che con la sua attività contribuì  a creare in quegli anni una nuova e originale immagine del  “pescivendolo”, a causa dell’eleganza con cui il Bolchini si  presentava al mercato del pesce in cravatta e panciotto.

L’immediato  successo della  Pescheria Spadari convinse Battista a creare una società con altri esperti del  mestiere, Franco Campiglio e suo fratello Alfonso, ai quale si aggiunse in un secondo tempo Gaudenzio Maffezzoli, per migliorare e allargare l’attività .

La passione e il senso del dovere dei soci fecero  sì che persino durante la Seconda Guerra Mondiale, nonostante gli  sfollamenti di massa fuori città, e la difficoltà dei rifornimenti,  la Pescheria Spadari aprisse.regolarmente i battenti  ogni giorno.

Oggi l’attività è ancora in mano agli eredi delle  famiglie fondatrici, che hanno  ricevuto numerosi premi e  riconoscimenti, per la  freschezza e  qualità, ed è diventata un  insostituibile punto di riferimento per gli amanti del pesce  in città.

 Negli ultimi anni alla tradizionale offerta di  pesce fresco è stato affiancato un servizio di cucina molto apprezzato, che la  Pescheria propone durante le ore di pausa pranzo – dal martedì al venerdì dalla  12,30 alle 14,30 – con un’ampia scelta di   primi piatti, secondi e frittura, preparati da un eccellente staff, da  accompagnare magari con un calice di ottimo vino.

E per festeggiare questa  data, alla quale  auguriamo di aggiungerne  molte altre, la Premiata Pescheria Spadari  ha  invitato  Clienti e Amici Giovedì 21 novembre     dalle ore 18 alle 21   per brindare  e degustare alcune  delle specialità   che l’ hanno resa celebre negli anni .

Annamaria Demartini 
17 dicembre 2013

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook