#UNAALLORA @BASTAVITTIME: oggi un flash mob a Milano

#UNAALLORA @BASTAVITTIME: oggi un flash mob a Milano

Una catena umana di persone che si tengono per mano. Uomini e donne uniti per dire Basta Vittime.

barbara benedetteliL’evento che si svolgerà su tutto il territorio nazionale tra il 22 e il 25 novembre, oggi vuole sensibilizzare Milano e alle ore 16,00, in piazza San Babila a Milano, si svolgerà un flash mob per non abbassare la guardia sul tema della violenza domestica e di genere.

Barbara Benedettelli, Responsabile nazionale dell’Area Tutela Vittime della Violenza di FDI, afferma: “l‘aver firmato la Convenzione di Istanbul e l’aver varato una legge per contrastare penalmente il fenomeno, deve essere considerato solo un punto di partenza.
Le donne continuano a morire ammazzate all’interno di rapporti di coppia malati, in cui la donna è ritenuta una proprietà e non una persona con una sua individualità e autonomia. C’è molto da fare ancora sia sul piano culturale sia sul piano del lavoro, per esempio. La dipendenza economica è infatti una base fertile sulla quale il rapporto malato si alimenta,e impedisce alla donna di andarsene quando si sente come imprigionat in una unione che la soffoca. O , è il casodi dirlo, la stritola. Noi di Fratelli d’Italia auspichiamo, come accade in Spagna, sia attivato il collocamento per le vittime, abbiamo quello per i detenuti, e va bene, ma anche le vittime devono essere reinserite in società. Da noi manca l’equilibrio nel trattamento riservato ai diversi attori del reato e lo sbilanciamento è eccessivo verso la parte che il reato lo ha commesso. Basta!
Una all’ora perchè nel mondo muore una donna ogni 60 minuti. In Italia la media è ancora di una ogni 2 giorni. Un cancro che dobbiamo debellare combattendo con ogni mezzo senza fermarci mai.
A Milano l’appuntamento è per Sabato 23 alle 16,00 in Piazza San Babila da dove partirà una catena umana di persone che si terranno per mano. Uomini e donne uniti per dire Basta Vittime!

Sebastiano Di Mauro
23 novembre 2013

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook