Milano Design Weekend è cultura e anche musica

di Sebastiano Di Mauro

Un fine settimana all’insegna del design, dell’arte, del divertimento e pretesto per ascoltare della buona musica Jazz con  Marco Brioschi

Sono tante le iniziative che animeranno la MILANO DESIGN WEEKEND  dal 6 al 9 ottobre, presentata già lo scorso luglio dall’assessore alla cultura Stefano Boeri. L’importante iniziativa culturale avrà il suo culmine con la  Notte Bianca del Design di sabato 8 ottobre, in cui  tutti gli showroom aderenti rimarranno aperti fino alle 22.00.

 

 La manifestazione è patrocinata dall’Assessorato alla Cultura, Expo, Moda, Design del Comune di Milano e dall’Ordine degli Architetti P.P.C. della Provincia di Milano con il  contributo di alcune tra le più importanti istituzioni museali e culturali della città: il Triennale Design Museum, il Museo del Novecento, il Civico Museo Archeologico, il circuito delle Case Museo di Milano. Infine, aderisce per la prima volta all’iniziativa anche il Conservatorio di Milano.
E’ senz’altro un occasione unica per scoprire i luoghi di lavoro dei progettisti dei maggiori brand del panorama  italiano e internazionale, che festeggiano in vari modi l’evento. Ad esempio il Natuzzi Flagship store, di Via Durini, 24, durante la notte bianca del design di Sabato 8 ottobre 2011, con il suo Cocktail party and Live Jazz, si trasformerà in luogo di  intrattenimento e partecipazione anche grazie alla performance live del jazzista milanese Marco Brioschi che coinvolgerà il pubblico della notte bianca nell’affascinante gioco tra musica, arte e design a partire dalle ore 19,30.

Per chi non conosce bene il mondo del jazz diremo che Marco Brioschi è uno dei più interessanti casi del  Jazz nostrano e, sebbene il repertorio prediletto dal trombettista sia prevalentemente quello Modern e Hard Bop, non viene meno un’impronta che ricorda la sensibilità scoperta per la prima volta proprio con i lavori Cool. Ciò che più resta impresso di Brioschi è la sua capacità di trovare uno spazio personale e ben definito nel solco di una tradizione timbrica imponente che guarda direttamente a Chet Baker.

 

Info: www.milano-designweekend.it.

 

6 ottobre 2011

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook