Finisce il Ramadan ed il cardinale Scola invita i fedeli e le comunità musulmane al dialogo

Finisce il Ramadan  ed il cardinale Scola invita i fedeli e le comunità musulmane al dialogo

scolaIn occasione della fine del Ramadan, l’Arcivescovo di Milano, cardinale Angelo Scola,  invia un messaggio ai fedeli e ai responsabili delle comunità musulmane presenti nel territorio della Diocesi.
Il messaggio dell’Arcivescovo, scritto sia in italiano, che in arabo,  sarà consegnato la mattina dell’8 agosto,  insieme al messaggio del Papa, durante la cerimonia di chiusura del mese del digiuno, che anche quest’anno si terrà all’Arena civica, dove interverrà pure l’assessore all’istruzione Francesco Cappelli per portare il tradizionale saluto da parte del Comune.
Nel suo messaggio il cardinale invita la popolazione musulmana ad aumentare e approfondire un comune impegno, trovandoci entrambi ad affrontare “in quanto credenti sfide simili, con analoghe responsabilità”.
L’arcivescovo rivolge anche l’invito “crescere nella conoscenza e nel rispetto reciproco”, ma “senza ignorare ciò che distingue e caratterizza l’identità di ognuno”.
Poi il Cardinale Scola, facendo riferimento al Ramadan, auspica che “la preghiera e il digiuno” possa infondere “fiducia e coraggio nel promuovere il dialogo e la collaborazione intesi come frutto necessario dell’amore di Dio e del prossimo”.
Infatti, osserva Scola, proprio l’amore di Dio e del prossimo sono “i due pilastri biblici e coranici di ogni autentica spiritualità”.
Infine il cardinale conclude il saluto ricordando come l’anno costantiniano ancora in corso,  con cui la Diocesi celebra i 1.700 Anni dall’editto di Milano,  ed  il prossimo grande evento milanese costituito dall’Expo 2015, possano essere propizi ad affermare la libertà religiosa, dove ci sia spazio per mettere a frutto “l’immenso tesoro di principi e valori” di cui cristiani e musulmani sono entrambi eredi,  a favore “delle nostre comunità e della società civile”.

Sebastiano Di Mauro
6 agosto 2013

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook