Milano: la polizia locale ferma una rissa tra tifosi dello Zenit e ambulanti senegalesi

Grave episodio di violenza a Milano. Una rissa che ha coinvolto una trentina di persone è scoppiata davanti al Castello Sforzesco e si è protratta fino in un negozio di via San Giovanni sul Muro. La Polizia locale, intervenuta tempestivamente sul luogo, ha denunciato 7 uomini e arrestato per furto altre quattro persone.

I protagonisti dei violenti tafferugli sono stati 22 tifosi russi dello Zenit, giunti a Milano per la partita di Champions League in programma a San Siro, che si sono rivolti a 8 venditori abusivi del Senegal con la richiesta di acquistare dell’hashish. Davanti al secco rifiuto degli ambulanti, i malintenzionati hanno reagito con insulti e sputi.

All’arrivo della Polizia locale, la folla facinorosa si è dileguata. Quattro russi sono scappati verso via San Giovanni sul Muro, inseguiti da tre senegalesi, e sono entrati in un negozio di abbigliamento canadese che si trova davanti al teatro dal Verme, nonostante i tentativi della commessa di impedire l’accesso.

Gli agenti hanno comunque proceduto alla denuncia in libertà per rissa e lesioni di sette persone. I due venditori senegalesi, che hanno riportato varie contusioni, sono stati trasportati in codice verde presso il pronto soccorso dell’ospedale Fatebenefratelli. Sul posto sono intervenuti anche gli uomini dell’Ordine Pubblico della Polizia di Stato, di servizio proprio per la partita tra Milan e Zenit.

A breve distanza di tempo da questi episodi, altri quattro tifosi russi, tra i quali una donna di età compresa tra i 19 e i 22 anni, visibilmente ubriachi, sono stati arrestati dagli stessi agenti di Polizia locale per furto e danneggiamento, dopo essere stati sorpresi a rubare capi di abbigliamento nel negozio Le Coq Sportif, situato all’inizio di via Dante. Il valore della merce rubata, cui i ladri avevano già privato di etichette e targhette antitaccheggio, si aggira attorno agli 800 euro.

 

Giuseppe Ferrara
5 dicembre 2012

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook