Parte domani il campionato di B di Pallanuoto. Presentata la nuova Rari Nantes

Parte domani il campionato di B di Pallanuoto. Presentata la nuova Rari Nantes

Sta per iniziare la grande avventura della Rari Nantes, squadra gloriosa della Pallanuoto napoletana. La presentazione si è svolta nei saloni del Circolo del famoso borgo di Santa Lucia, a due passi dal mare. Alla kermesse, allestita in pompa magna dal gruppo sportivo napoletano, hanno partecipato il presidente del sodalizio Giorgio Improta, che ha sostituito Agostino Longo al vertice del Circolo solo lo scorso dicembre, il vice presidente della FIN, Francesco Postiglione, Daniela Villani, assessore comunale alle Pari Dignità con delega al Mare, Enzo Minieri, caposaldo dello sponsor della Cargomar, Antonio Recano, vicepresidente del Circolo Posillipo, che ha dato un grande supporto nella costruzione della squadra e Alessandro Fusco,decano del Circolo luciano, il quale commosso ha tracciato un appassionato ricordo di uomini e campioni che hanno segnato la storia della Pallanuoto e dello sport napoletano, molti dei quali “figli” proprio della gloriosa Rari Nantes. Per la partnership dello Schuco è intervenuto inoltre Renato Chiaramonte. Tra gli ospiti presente anche Gianfranco Bellissimo, scrittore, giornalista, autore recentemente del libro “La Napoli che non muore.

” Quella del Circolo – ha detto il presidente del Circolo Improta, ai nostri microfoni – è un’avventura che dura dal 1905. Quest’anno, rispetto allo scorso anno, ripartiamo con aspettattive migliori. Abbiamo rinnovato i 10/16 della squadra grazie alla sinergia attuata con il Circolo Posillipo, che ci prestato molti suoi elementi, formando davvero un’ottima squadra. Il progetto che intendiamo portare avanti è molto ambizioso. Lo scorso anno abbiamo lottato per i play-out. Ora è diverso. Mi auguro di portare la squadra in serie entro 4 anni, alla scadenza del mio mandato. La squadra è molto forte. Possiamo andare molto in alto.”

Sulle ali dell’entusiasmo e della speranza si allinea anche Davide Truppa, l’attaccante classe ’92, confermato alla grande nella formazione allenata da Elios Marsili che in esclusiva ai nostri microfoni ha detto: ” Quest’anno ci teniamo a ben figurare, anche perchè lo sorso anno abbiamo trascorso una delle più buie stagioni da quando esiste questo glorioso club.Siamo riusciti a salvarci in extremis ai play-out e quindi è normale che ora abbiamo un pizzico di rivalsa in più, che può solo far bene al gruppo. La formazione è del tutto rinnovata. Puntiamo a diversi obiettivi. Non dico che partiamo tra le prime tre o quattro favorite, ma il campionato possiamo giocarcelo con tutti. Sicuramente le squadre favorite sono il Cesport, il Pescara Pallanuoto, la Canottieri Lazio e forse anche noi. La forza della nostra squadra? Certamente è il portiere Gianluca Cappuccio, classe ’92; un ragazzo che potrebbe benissimo giocare nella categoria superiore, facendo la differenza. Poi ci sono gli altri: il centroboa Stefano Mauro, classe ’97, e tanti validi elementi, partendo dalla difesa per finire all’attacco”.

“Napoli ha un oro blu che può dare sviluppo ed occupazione – ha detto poi l’assessore comunale alle Pari Opportunità con delega al Mare, Daniela Villani che poi ha aggiunto: “I ragazzi di questa squadra devono diventare i riferimenti per i ragazzi dei nostri quartieri. Mi impegno affinchè venga istituito un tavolo con tutti gli operatori del lungomare per aprire questi meravigliosi scenari a tutte le realtà del territorio. Napoli può e deve creare un’economia del mare a 360 gradi.”

“L’augurio è quello che una  squadra di grandi tradizioni come la Rari Nantes possa presto riemergere. La concorrenza è agguerrita, ma la rivalità cittadina può essere uno stimolo in più – ha aggiunto il vice presidente della FIN, Francesco Postiglione. D’accordo su questa tesi è anche il presidente sempre della FIN, Paolo Trapanese, il quale ha sottolineato la bellezza del Circolo Savoia e le tradizioni del sodalizio partenopeo. ” La Rari Nantes – ha detto – ha dato la Pallanuoto a Napoli e all’Italia intera. Il “Settebello” è nato con la Rari.”

Poi è stata la volta dell’intervento degli sponsor. Il massimo rappresentante della Cargomar, Enzo Minieri che ha precisato:  ” Siamo al secondo anno di fila al fianco della Rari Nantes perchè crediamo fortemente nel valore sociale dello sport. L’anno scorso abbiamo portato fortuna con la salvezza, quest’anno speriamo di centrare un altro traguardo.”

“Abbiamo voglia di partecipare al rilancio di questo Circolo – ha aggiunto Renato Chiaromonte, esponente in primis della partnership “Schuco”: Siamo stati sempre vicini al mondo dei motori, ma  poi abbiamo deciso di sposare la causa dell’ecosostenibilità, avvicinadosi al golf e al ciclismo. E’ la prima volta per la Pallanuoto, ma sono stato ospite di questo Circolo l’anno scorso e mi hanno colpito il passato del club e l’ambiente accogliente con grande voglia di rinnovamento.”

La cerimonia di premiazione si è poi conclusa con la presentazione degli atleti, il saluto di Antonio Recano, vicepresidente del Posillipo e il gemellaggio  tra la Rari Nantes  e il Napoli C5 con lo scambio di calottine e maglietta tra  Davide Truppa e Jader Fornari, capitani dei due sodalizi partenopei.

Il campionato di B, intanto, parte domani pomeriggio. Il primo appuntamento per la Rari Nantes sarà alla Piscina  Scandone. Primo avversario: il temibile Pescara. In bocca al lupo Rari!

servizio di Luigi Rubino ed Elio Guerriero

 

 

 

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook