44° MEETING INTERNAZIONALE SULLA SICUREZZA DEI PORTI AL CASTEL DELL’OVO. QUALI SOLUZIONI?

di Luigi Rubino

E’ in corso di svolgimento a Napoli, nella splendida cornice del Castel dell’Ovo, in via Caracciolo, il 44° Meeting internazionale sullo controllo dell’area portuali. ( Porte State Control Meeeting) La kermesse, che si concluderà venerdi 6 Maggio, assume un’importanza particolare, dal momento che dal 1 Gennaio del 2011 è entrato in vigore  il Nuovo Regime Ispettivo sulla sicurezza dei porti in tutto il vecchio Continente, stabilito dal sistema ispettivo dal Paris Memorandum, in collaborazione con le altre organizzazioni internazionali.

Tutti sanno che Napoli rappresenta uno dei più grandi e importanti porti italiani con i suoi numerosi traffici, le varie attività commerciali e la presenza di moltissime Compagnie di Navigazione. Diventa quindi importante assicurare una certa sicurezza nella navigazione lungo la costa e prevenire il preoccupante fenomeno dell’inquinamento con i  moltissimi scarichi abusivi, ben evidenti in prossimità delle nostre città marine. L’Italia ha specificato – il Comandante  del Corpo delle Capitanerie di Porto Guardia Costiera, Ispettore Capo Marco Brusco – si trova nelle posizioni più alte della White List del Paris MoU, dopo anni di impegno e dedizione totale dell’Amministrazione. La flotta italiana è molto migliorata negli ultimi anni – precisa nel suo discorso il comandante Brusco, grazie all’impegno di tutti abbiamo  una delle  flotte più giovani del mondo con numerose navi di navigazione in costruzione, soprattutto in Estremo Oriente”. Il comandante ha poi posto l’accento sul preoccupante fenomeno della pirateria, sottolineando gli ultimi sequestri ad opera di pirati lungo le coste del Corno d’Africa e recentemente anche sulle coste dell’Africa Occidentale. Il problema – è stato sottolineato – riguarda comunque tutta la comunità internazionale a causa degli enormi danni provocati in primo luogo alla vita degli equipaggi e anche agli interessi commerciali degli armatori e delle compagnie di navigazione.

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook