Attento padrone! Non abbandonare il tuo cane

di Luigi Rubino

Originale forma di protesta in spiaggia di ragazze in costume a difesa degli amici a 4 zampe, che una volta dispersi in strada dai vacanzieri, trovano la morte sicura.

I più maltrattati in estate sono sempre loro: gli amici a quattro zampe. Pur di andare in villeggiatura, molti cani vengono abbandonati in strada da padroni incoscienti e senza cuore, con il rischio di vederli morti specialmente su strade ad alto scorrimento. Per evitare che la strage di animali e particolarmente dei cani si continui a verificare nel mese di Agosto, quando la maggior parte delle persone lascia la città per andare in vacanza, il gruppo dei “Verdi” campani e ragazze dell’associazione animalista femminile “Amiche di Lù” hanno inscenato un’originale forma di protesta, presentantosi in costume ( bikini) sulla spiaggia della Rotonda Diaz e mostrando cartelli con la scritta ” No fido? No parti..”

Il fenomeno dell’abbandono dei cani già nel mese di luglio è cresciuto vertiginosamente, raggiungendo la percentuale del 15% in più rispetto allo scorso anno. Bisogna quindi educare la gente a rispettare gli amici animali sostengono i promotori dell’iniziativa schierati sulla spiaggia del lungomare partenopeo. Il messaggio della campagna di sensibilizzazione  “lettera di un cane abbandonato al suo padrone” è emblematico. “Dobbiamo evitare le stragi  di ferragosto dei nostri amici a 4 zampe, che quando si salvano restano senza una zampa o qualche altro organo vitale. Francesco Emilio Borrelli,commissario regionale dei Verdi precisa: ” Invitiamo i padroni a non abbandonare i loro cani e a tutti i cittadini di segnalare chi abbandona il loro animale in strada, perchè oltre ad essere disumano, rappresenta un reato e punibile a termine di legge. “In questo momento, abbiamo bisogno di persone che adottino gli animali abbandonati – precisa  Aldoina Filangieri, presidentessa dell’Associazione ” Amiche di Lù.” Occorrono soldi per acquistare il siero antibotulino che ci consente di salvare alcuni cuccioli di animale, ma non è semplice” – aggiunge un esponente dell’Udc, che ha partecipato alla manifestazione.

 

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook