Rebecca Cauda
Rebecca Cauda

Biografia

Laureata in Economia, torinese DOC. Interessi diametralmente opposti ai miei studi: amo leggere tutti i tipi di libri, ma ho una predilezione per i romanzi gialli e psyco thriller. Amo i miei tre cani e cerco di passarci più tempo possibile perché sì, sono decisamente più gradevoli di molte persone. Ho nel cuore la mia città, Torino, e non la scambierei con nessuna al mondo: ogni angolo, ogni anfratto, ogni viuzza.

Articoli

Le malattie e il fantasmagorico si incontrano

Tutti ne abbiamo almeno uno nella propria vita, o lo abbiamo avuto. Quell’amico/a o parente o compagno/a che non ha mai goduto di ottima salute, e perché? Perché tutte quelle micro malattie, tutti quegli acciacchi se li è inventati di sana pianta: intendiamoci, il soggetto in questione è ben convinto di avere quel dolore, quello sbalzo di temperatura costante, quel…
Commenti

Un Oscar Wilde in semplice musica

Quanto più lo spettacolo è attuale, tanto di più può affascinare e allo stesso tempo spaventare. Quanto più le spinose tematiche affrontate oggi vengono messe su un palcoscenico davanti ai nostri occhi, tanto di più ci spaventano proprio perché non possiamo più nemmeno pensare di non esserne a conoscenza. L’omosessualità è purtroppo una di queste argomentazioni che pur non dovendo…
Commenti

Giardini su tela, giardini sullo schermo

Comincio a pensare che il corpo umano non sia composto principalmente di acqua, ma di costanti lamentele e pietismi vari che a loro volta ci portano a storcere il naso davanti alle più piccole difficoltà: per quanto siano evidenti alcuni limiti e problemi di oggi, ci sono anche dall’altro lato della medaglia, tante tantissime piccole e grandi soddisfazioni e quelle…
Commenti

Alla scoperta dei fumetti agée

Chissà per quale buffo motivo, quando ognuno di noi era in quella fascia di età compresa tra i 6 e i 10 anni, sia i nostri genitori, ma principalmente le maestre a scuola ci facevano credere o comunque hanno sempre cercato di convincerci che i nostri nonni abbiamo sempre lavorato prima di noi, riducendo i loro momenti di svago e…
Commenti

Questi fantasmi! Oppure, queste allucinazioni?

La sala è al buio, il palcoscenico anche. Gli spettatori sono in silenzio (incredibilmente e con i telefoni spenti per l’intera durata dello spettacolo), i fiati sono sospesi perché si sta per assistere ad uno dei capisaldi della nostra cultura italiana: non una commedia romantica, non un giallo alla Agatha Christie, non un dramma straccia cuori & anime, ma il…
Commenti
Pagina 21 di 41« Prima...10...1920212223...3040...Ultima »