Fantozzi torna in paradiso

Fantozzi torna in paradiso

No, purtroppo non si tratta di una nuova pellicola sul ragioniere più famoso d’Italia; stavolta il grande Paolo Villaggio ci ha lasciati per davvero e con lui è venuta a mancare una colonna portante del cinema e dello spettacolo italiano. Attore, scrittore, comico e vincitore di numerosi riconoscimenti che hanno costellato la sua lunga carriera, il poliedrico e geniale Paolo Villaggio ha saputo regalare risate a crepapelle senza mai scadere nel volgare. Celebre a questo proposito la lunga serie di volumi e film sul ragioner Ugo Fantozzi, in cui Villaggio, interprete stesso del personaggio, ha saputo raccontare quell’Italia che per molti versi ancora ci appartiene e rivelando a tutti – grandi e piccini – una realtà di cui oggi siamo tutti quanti eredi.

Non si può parlare quindi di comicità spicciola e superficialità negli intrecci: con la serie ‘Fantozzi’ (cui potremmo aggiungere tutta la produzione su ‘Fracchia’) l’attore genovese è riuscito a mettere sul piatto un’analisi approfondita sui lati più oscuri del cosiddetto ‘italiano medio’: una specie di coraggiosa denuncia, portata alla luce con tanto garbo e altrettanta fermezza in un periodo in cui erano tanti, troppi coloro che protetti dall’omertà facevano scempio dell’Italia già fiaccata da politiche tutto sommato fallimentari.

Paolo Villaggio, scomparso all’età di 84 anni a causa del diabete, ci ha lasciato in eredità un tesoro culturale ricco di spunti per riflessioni validissime ancora per il nostro presente, in cui ad esempio non si fa fatica a impersonare con qualche figura di spicco il Dottor Ing. Gran Mascalzon. di Gran Croc Visconte Cobram o il Megadirettore Clamoroso Duca Conte Pier Carlo ing. Semenzara.

Paolo Villaggio era ricoverato dai primi di giugno nella clinica privata Paideia di Roma dopo essere stato seguito anche dallo staff del policlinico Gemelli, la camera ardente sarà invece allestita mercoledì mattina in Campidoglio. Secondo quanto riferito dalle fonti, il funerale si svolgerà con cerimonia laica alla Casa del Cinema di Roma.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook