Uxoricidio, finalmente la legge che tutela gli orfani

Uxoricidio, finalmente la legge che tutela gli orfani
(fonte immagine: www.fratelli-italia.it)

Il decreto legge, approvato all’unanimità dalla Camera, mercoledì 1 marzo, ridisegna e tutela la prospettiva di vita degli orfani, vittime indirette dell’uxoricidio.

La legge, approvata con una maggioranza assoluta, 376 voti favorevoli, prevede innanzitutto una condanna molto più severa per l’assassino: ergastolo se la vittima è il coniuge, dai 24 ai 30 anni nel caso in cui fosse avvenuto il divorzio. Il condannato non riceverà più la pensione di reversibilità, che sarà riservata ai figli, per i quali è prevista l’attivazione di un fondo per gli orfani di crimini domestici.

Indipendentemente dalla maggiore o minore età, in assenza di stabilità economica, potranno godere non solo di un supporto psicoterapeutico, durante il periodo delle indagini e dei processi, ma anche di una sicurezza economica, coadiuvata dal gratuito patrocinio, cosicché i figli di età inferiore a 26 anni potranno avvalersi gratuitamente delle facoltà e dell’esercizio di un avvocato.

La legge, inoltre, stabilisce la cosiddetta “indegnità a succedere”: l’esclusione automatica dall’eredità dei beni del coniuge. Fino allo scorso mercoledì, la legge prevedeva che i figli intentassero una causa nei confronti del genitore omicida e vincerla, per escluderlo dalla successione. Alle donne vittime di violenza ed ai loro figli saranno destinati 5 milioni annui nel triennio 2017-2019, in base ad un emendamento della legge di bilancio, approvata dalla Camera.

Alla stesura della legge hanno collaborato i famigliari di Silvana Allasia, che ha perso la vita a 47 anni, nel maggio 2014, per mano del compagno Vitantonio Gioia, guardia giurata, che le ha sparato con la pistola di ordinanza. La donna ha lasciato 2 figli, Angelo e Giuseppe. L’uomo è stato condannato a 16 anni.

A dimostrare l’urgenza della legge, arrivata, indubbiamente troppo tardi, l’ennesima morte ingiustificata ed ingiustificabile di venerdì 3 marzo a Iglesias: Gianni Murru, 42 anni, ha ucciso con dieci coltellate la moglie trentenne Federica Madau. I due erano separati da dicembre e non vivevano più insieme, motivo della gelosia malsana nutrita dall’uomo, convinto, inoltre, che la moglie lo stesse allontanando dall’affetto dei figli. Questi i moventi del delitto.

Segni persi

120: le donne uccise per amore, solo nel 2016;
1.740: le vittime in undici anni (2006-2016);
1.251: le morte in famiglia (2006-2016);
1.630: gli orfani.

Non sono semplicemente orfani, non compiangono l’amore perduto dei genitori e basta: hanno a che fare con una dimensione surreale, che li inghiottisce. Soffrono il senso di appartenenza che li lega al carnefice, soffrono un dolore, rispetto al quale non è facile odiarne e stigmatizzarne il colpevole. Poter accettare di essere soli, a causa del padre che ti ha donato la vita, non si può. E allora si rimane orfani, disconoscendo dal ruolo di genitore, chi genitore non è stato mai.

Accettare la perdita della madre in un simile contesto è umanamente devastante, e allora questa legge, pur non compensando il vuoto della perdita, alleggerisce quantomeno il peso della macchinosità della giustizia, rendendola più fluida e veloce. Agevola l’affidamento di questi ragazzi alle famiglie che se ne fanno carico, perlomeno dal punto di vista economico e giuridico.

Ormai rappresentano una categoria, una assurda categoria: orfani di un genitore che uccide l’altro, orfani di un amore strappato nel peggior modo possibile. Orfani, anche di una predisposizione alla comprensione di un atto, di per sé, inconcepibile.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook