Palermo, incendi e nubi tossiche piegano la città

Palermo, incendi e nubi tossiche piegano la città

Palermo in balia degli incendi. Evacuate scuole e abitazioni. Nubi tossiche invadono le strade. Investigatori: «possibile la pista dolosa»

L’intera Sicilia settentrionale brucia e il fumo invade le strade di Palermo.mdalla notte scorsa il fuoco, alimentato dallo scirocco, ha circondato diversi quartieri del capoluogo siciliano. Le temperature hanno toccano i 45 gradi centigradi grazie al rapido propagarsi delle fiamme.

A Monreale il fumo acre degli incendi ha coperto l’intera zona invadendo anche una scuola elementare gettando nel panico insegnanti e genitori. Molti bambini sono stati intossicati dalle esalazioni di fumo e sono stati portati in pronto soccorso dal quale sono stati dimessi solo in serata. La salute dell’intera popolazione palermitana è a rischio per le nubi tossiche generate dai roghi.

Durante tutta la giornata polizia municipale, Vigili del fuoco e Protezione Civile hanno lavorato senza sosta per garantire la sicurezza dei palermitani. Il bilancio dei danni è ancora sconosciuto, certa invece l’assenza di vittime come risulta essere plausibile la pista del dolo. Secondo le forze dell’ordine infatti la matrice dolosa degli incendi è una pista perseguibile: gli incendi sarebbero stati appiccati simultaneamente in diversi punti. Lo stesso Rosario Crocetta, governatore della Regione Sicilia, ha dichiarato «possibili piani criminali» alla base dei roghi. Già in passato la città Palermo e l’intera Sicilia sono state scenario di fenomeni simili.

Gli incendi si sono sviluppati in diverse zone della provincia di Palermo, toccando diversi comuni dalle Madonie a Terrasini. Fiamme anche in pieno centro: in via Bonanno sono state evacuate alcune abitazioni mentre in via Paruta diverse automobili sono state ingoiate dal fuoco. Alle pendici del monte Pellegrino un vasto incendio ha distrutto la vegetazione locale arrivando a interessare anche un vicino centro per la gestione dei rifiuti.

Disagi anche per i trasporti con diverse infrastrutture chiuse. La strada ferrata a Brancaccio è stata chiusa insieme alla A20 Palermo-Messina. Interdette al traffico anche la ferrovia Palermo-Catania e l’aeroporto di Punta Raisi, dove sono stati cancellati diversi voli.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook