Roma, Berlusconi liquida Bertolaso. Meloni favorita

Roma, Berlusconi liquida Bertolaso. Meloni favorita

Caos nel centrodestra dopo il passo indietro di Forza Italia sull’investitura di Bertolaso per la corsa a Roma. Marchini o Storace i preferiti, ma è il pandestrismo di Meloni a rappresentare l’unica alternativa per Berlusconi.

«Sono mesi che aspetto, ma Bertolaso non decolla nei sondaggi: sosteniamo Meloni». Con queste parole Silvio Berlusconi commenta i risultati dei sondaggi che vedono l’ex capo della Protezione Civile in netto svantaggio per la corsa al Campidoglio. A questo punto l’investitura di Giorgia Meloni come candidata del centrodestra sembra ufficiosa.

Un incontro inutile – Nei giorni scorsi i vertici di Forza Italia si erano riuniti per due ore a Palazzo Grazioli per riconsiderare la candidatura di Guido Bertolaso e sciogliere il “nodo Roma”. Ma l’incontro non ha portato a nessuna soluzione perché l’efficacia elettorale di “Mr. Protezione Civile” è bassa e Berlusconi non puo’ permettersi di arrivare a Roma con soglie sotto i dieci punti percentuali. Bertolaso è infatti dietro Alfio Marchini, considerato anche come alternativa insieme a Storace dal Cavaliere per un candidato “puro”. I sondaggi e i dati raccolti hanno spinto gli esponenti del partito a scegliere un candidato – meno debole – per la corsa a Roma. Berlusconi è conscio che abbandonare Bertolaso significherebbe legittimare l’asse pandestrista Salvini-Meloni: rischia di «consegnare i voti moderati a Matteo Renzi», una mossa politicamente fatale. Ma il dado è tratto e il passo indietro di Forza Italia è, di fatto, una ferita profonda. Da parte sua Bertolaso – difeso nel vertice da Berlusconi – porta avanti le sue origini e ha convocato una conferenza stampa a Montecitorio nel pomeriggio: «Ho una storia non merito questo trattamento, sono l’uomo che ha salvato L’Aquila» ha dichiarato nelle ore successive al summit.

Tra i litiganti Meloni gode – La decisione del centrodestra rende la candidatura di Bertolaso fragile come neanche le critiche o le imputazioni sul suo conto hanno fatto in circa dieci anni. In tutta l’ala azzurra c’è confusione riguardo le mosse da fare perché «Tutto è ancora in alto mare» come ha detto Nunzia De Girolamo sulla vicenda. Intanto Forza Italia ha disposto una nuova riunione nella tarda mattinata con Bertolaso e Berlusconi che si sfiorano, ma non si incontrano, facendo saltare un incontro che doveva svolgersi oggi pomeriggio. Quello che mette in subbuglio i rappresentanti di Forza Italia è capire cosa offrire a Bertolaso per farlo uscire di scena senza permettergli di soffiare sul fuoco dell’ala azzurra. Anche se i rapporti tra Berlusconi e Bertolaso sono storicamente strettissimi, il Cavaliere non puo’ esimersi dal considerare le basse probabilità di successo dell’ex capo della Protezione Civile. Pronti a subentrare, Salvini e Meloni si sono  infuriati per la condizione confusa. Alle 18 intanto Meloni, favorita nei sondaggi insieme a Virginia Raggi del M5S, apre la sua campagna elettorale.

 

 

 

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook