Family Day, manifestazione al Circo Massimo

Family Day, manifestazione al Circo Massimo
Family day (Foto: La Stampa.it)

Tra poche ore al Circo Massimo andrà in scena il Family Day, manifestazione a tutela della cosiddetta famiglia tradizionale e di protesta contro il ddl Cirinnà e la stepchild adoption. Secondo il portavoce dell’evento, Massimo Gandolfini: «Sarà una piazza enorme, una piazza italiana, anche se abbiamo ricevuto adesioni da tutto il mondo. Dal palco daremo voce agli eroi del quotidiano, alle famiglie. Una piazza che vuole rappresentare la bellezza delle famiglie con tante mamme, papà, bambini e nonni. Questo è il volto bello e vero dell’Italia».

Al Circo Massimo sono attese circa un milione di persone; pronte, parole del direttore di Avvenire Marco Tarquinio, a «ricordare a chi ci governa e ci rappresenta (ma anche a chi condiziona l’informazione nazionale) che la Costituzione attende ancora di essere attuata nella parte in cui indica il dovere di agevolare la famiglia fondata sul matrimonio, ‘società naturale’ tra una donna-madre è un uomo-padre, aperta alla vita e, dunque, premessa essenziale e promessa di futuro per ogni più ampia comunità civile». Stando alle previsioni degli organizzatori, saranno circa un milione le persone che dalle 14 alle 16:30 manifesteranno contro il ddl Cirinnà; una cifra altisonante e ben lontana dai circa 400mila (del milione previsto) dell’ultima edizione risalente a sei mesi fa in piazza San Pietro.

Certamente al Circo Massimo saranno presenti le associazioni e i comitati ‘Difendiamo i nostri figli’, ‘Agapo’, ‘Non si tocca la famiglia’, ‘ProVita’, ‘Giuristi per la Vita’, ‘Comitato Articolo26’ e i ‘neocatecumenali’. L’azione cattolica e Cl, invece, hanno aderito senza appoggiare formalmente l’evento, lasciando libertà di partecipare o meno ai propri associati. Per quanto riguarda la politica, al Family Day aderiranno circa 200 parlamentari; tra questi la delegazione di Ncd è la più corposa.

Del governo ci sarà il ministro dell’Ambiente Gianluca Galletti, Udc, mentre il ministro dell’Interno Angelino Alfano ci sarà ma solo «con il cuore» insieme al ministro della Salute Beatrice Lorenzin, attualmente in viaggio in Cina. Dal Pd ha dato la sua adesione il deputato Beppe Fioroni. In piazza anche i parlamentari della Lega Nord e quelli di Fratelli d’Italia, 6 parlamentari fittiani e quelli appartenenti a Conservatori e riformisti, mentre per Forza Italia hanno aderito il capogruppo della camera Renato Brunetta e il vice presidente del Senato, Maurizio Gasparri. Presenti inoltre gli estremisti di Forza Nuova e Casa Pound.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook