Etna Comics 2019: il concerto live di Giorgio Vanni il 6 giugno

Etna Comics 2019: il concerto live di Giorgio Vanni il 6 giugno

In attesa di Etna Comics 2019, passiamo ogni giorno in rassegna alcuni ospiti inseriti nel programma, iniziando da giovedì 6 giugno. La data di apertura dell’evento sarà pregna di artisti, italiani e internazionali, alcuni dei quali rimarranno nell’Area Live e Firme anche nei giorni seguenti, quali Neal Adams, Luca Maresca, Lelio Bonaccorso, Lorenza Di Sepio, Don Alemanno, Claudio Castellini, Salvo Di Paola, Maurizio Di Vincenzo e Lorenzo Pastrovicchio. Si prospetta una giornata ricca di personaggi e di tanto divertimento, che si concluderà alle ore 21 con il concerto live di Giorgio Vanni, a cui è dedicato il nostro approfondimento di oggi.

Artista, cantante e musicista, Vanni è l’indimenticabile voce delle sigle dei cartoni animati che hanno accompagnato l’adolescenza di tanti dagli anni ’90 a oggi. Nato a Milano nel 1963, muove i primi passi nella musica grazie ai genitori, per poi fondare svariate band e dedicarsi al reggae, al pop e al rock. È Tomato il gruppo che ottiene il maggior successo, grazie a Roberto Colombo, che gli permette di produrre The Island of the Sun (1983) e di lavorare per diversi anni con artisti del calibro di Miguel Bosé, Mango, Eugenio Finardi, Roberto Vecchioni e Tazenda; nel 1992 i Tomato partecipano al Festival di Sanremo con il brano Sai cosa sento per te. Nel 1994 esce invece il suo primo album da solista, dal titolo Grande cuore.

La svolta avviene nel 1996, quando inizia a dedicarsi a prodotti musicali televisivi e pubblicitari a fianco dell’arrangiatore Max Longhi. Insieme presentano ad Alessandra Valeri Manera la proposta per una sigla e inizia così la consacrazione del duo LoVa: la sigla d’esordio è Superman. Nel 1999 arriva il grande successo con Pokémon e Dragon Ball, che gli fanno conquistare un posto nel cuore di intere generazioni. Grazie ad Alessandra Valeri Manera avviene anche l’incontro con Cristina D’Avena, un connubio che andrà avanti per anni e che li vedrà impegnati costantemente e proficuamente.

Nel 2000 esce What’s my destiny Dragon Ball, la sigla più iconica e rappresentativa della sua carriera. Tra le altre si ricordano Yu-Gi-Oh!, Detective Conan, Io credo in me, L’incredibile Hulk e Maledetti scarafaggi. Nel 2010 viene pubblicata invece la prima raccolta di successi, dal titolo Giorgio Vanni Project – I cartoni di Italia1, a cui seguiranno tanti altri album. Nel 2016 avviene la svolta, Vanni si avvicina al mondo dei social e inizia a collaborare con diversi Youtuber, quali Sio, i TheShow e iPantellas, favorendo il suo ritorno alla ribalta. Ad agosto 2016 pubblica Pokémon Go, sigla realizzata per l’omonimo gioco di Nintendo e Niantic. A gennaio 2019, Vanni rende poi nota al suo pubblico l’uscita di un nuovo album prodotto insieme a Max Longhi, dal titolo Toon Tunz.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook