REMEDY…INDIPENDENTE O DIPENDENTE?

REMEDY…INDIPENDENTE O DIPENDENTE?

Sappiamo tutti chi è Remedy: la nota Software House che ha creato la brillante serie di Max Payne e che l’ha continuata a sviluppare fino al secondo capitolo. Infatti il terzo lo creò Rockstar Games. Dopo questa inizio di carriera decise di prendere le parti di Microsoft dando alla luce ben due esclusive di alto calibro: Alan Wake e Quantum Break.

Alan Wake ebbe un ottimo successo, sia da parte della critica che dei giocatori mentre per quanto riguarda Quantum Break ci fu molta meno acclamazione. Per Remedy sicuramente era un periodo di sperimentazione, il tutto venne messo in risalto dalla prova che fece collegando Quantum Break ad una serie TV che spezzava il gioco da un capitolo all’altro e soprattutto faceva da filone con la storia principale, cosa che fu apprezzata ma anche oggetto di critica.

Arriviamo finalmente al presente, dopo essersi “lasciata” con Microsoft, Remedy ha deciso di sviluppare un nuovo titolo (Control) che uscirà a fine Agosto per tutte le piattaforme maggiori, e il Gameplay sembra riprendere a piene mani da Quantum Break.

Ma il futuro? è ufficiale già da qualche giorno che hanno acquisito i diritti di Alan Wake, che ricordiamo prima essere di Microsoft, quindi a tutti gli effetti ora potrebbero decidere di fare una Remastered, cosa alquanto probabile anche a detta degli sviluppatori che sarebbero desiderosi di farlo, sempre se non sia già in sviluppo.

Ma non solamente una Remastered sarebbe nei piani di sviluppo, bensì anche un secondo capitolo che, attenzione, potrebbe essere esclusiva Ps4 o addirittura Ps5 perché c’è la possibilità di un accordo con Sony, secondo i rumors.

Remedy andrebbe a pennello con la filosofia della compagnia giapponese visto e considerato l’importanza della trama che esse danno ai giochi.

Sicuramente quest’ultima possibilità non è ancora ufficiale, ma sembra che potrebbero essere questioni di giorni prima dell’ufficialità, in poche parole possiamo dire solamente una cosa: chi vivrà vedrà.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook