Fake news: il Web Marketing Festival lancia un Hackathon

Fake news: il Web Marketing Festival lancia un Hackathon

Da oltre cinque anni il Web Marketing Festival rappresenta l’evento di riferimento del settore digitale, sia a livello nazionale che a livello internazionale. L’edizione del 2017 ha fatto registrare letteralmente numeri da record: oltre dodici mila, infatti, sono state le presenze registrate durante i due giorni del Festival. Cifre importanti si sono viste anche dal lato degli sponsor tecnici e di coloro che hanno colto l’occasione per esporre i propri prodotti e servizi: ben duecento gli espositori e i partner presenti nelle due giornate, mentre centocinquanta sono stati i colloqui di lavoro organizzati all’interno dell’area dedicata alle professioni digitali, dove recruiter e aspiranti lavoratori hanno potuto mettersi a confronto.

L’edizione di quest’anno vede un Web Marketing Festival completamente rinnovato, in virtù soprattutto del fatto che i tanti riscontri giunti nelle passate edizioni si sono concretizzati in una formula che prevede molti graditi ritorni ma anche qualche miglioramento. Se da un lato vengono confermati gli ingredienti base che hanno garantito il successo negli anni scorsi, dall’altro la due giorni di manifestazione si allarga fino a diventare una tre giorni per lasciare così lo spazio a un’offerta formativa sempre più approfondita, dando inoltre la possibilità a più persone di partecipare.

L’estensione della durata del Web Marketing Festival testimonia la sempre crescente importanza di questo evento nel panorama del digitale italiano. Grazie all’attento ascolto dei riscontri giunti dai partecipanti alle scorse edizioni e alla focalizzazione sui temi che l’attualità porta all’attenzione di addetti ai lavori e non, tra le sale e la plenaria quest’anno si avvicenderanno esperti di fama internazionale provenienti da aziende che dettano legge nel loro settore, come per esempio Amazon, Microsoft e Google.

Nel corso della sua giovane storia il Web Marketing Festival si è sempre dimostrato particolarmente sensibile alle tematiche relative al mondo dell’informazione nonché all’intercettamento di quelle che sono le tendenze dell’universo editoriale. Negli anni scorsi, infatti, un vero e proprio canale formativo dedicato al Digital Journalism ha visto l’alternarsi di interventi e dibattiti focalizzati sulle fake news. Come sempre i responsabili della creazione del programma del Web Marketing Festival pongono molta attenzione a quelli che si sono delineati essere i temi caldi dell’anno precedente. Tra quelli che hanno maggiormente fatto discutere esperti e appassionati dei temi di digital marketing ritroviamo certamente l’argomento delle cosiddette fake news.

In merito a una questione che diventa sempre più importante, l’obiettivo che si pone quest’anno il Festival è quello quindi di dare un contributo deciso, prendendo una posizione netta contro tutti i responsabili della disinformazione, andando alla ricerca di un metodo che possa aiutare la collettività di Internet a fruire di un mezzo più libero e informato. Purtroppo oggi si è affermata l’abitudine di fruire dei contenuti disponibili online prestando loro sempre meno attenzione, spesso soffermandosi unicamente al titolo. Se cambia il nostro modello di fruizione dei contenuti e quindi anche di reperimento delle notizie importanti, dovrebbe essere previsto un meccanismo di tutela a priori che permetta di evitare la diffusione di false notizie, il cui unico scopo è di attirare clic da parte di utenti poco consapevoli.

Ecco perché il Web Marketing Festival ha deciso di dare la possibilità a quanti prenderanno parte all’evento di giugno di mettersi all’opera proprio sul fronte fake news, facendo qualcosa di concreto per contrastare la crescente disinformazione online. Come? Attraverso un hackaton, ossia una maratona di condivisione di idee in cui diversi gruppi competeranno per la realizzazione della soluzione migliore per sconfiggere le fake news e migliorare la qualità dell’informazione online. Tipica del mondo della programmazione, la formula dell’hackathon mira a unire differenti professionalità sotto un comune obiettivo: quello di divenire un incubatore, una sorta di luogo di incontro dove favorire la riflessione sul tema, mettendo al servizio della comunità uno strumento fondamentale, nonché un acceleratore di flussi innovativi.

Quali saranno nello specifico le figure coinvolte nel primo hackathon del Web Marketing Festival? Principalmente programmatori, che si occuperanno di apportare conoscenze sul lato tecnico, ma anche data analyst, graphic e UX designer nonché professionisti provenienti dal settore editoriale e, ovviamente, digital marketers, che potranno condividere gli insight sulla fattibilità economica.

Il Fake News Hackathon si svolgerà durante tutto l’arco della giornata conclusiva del Web Marketing Festival, ossia sabato 23 giugno. I vari team, composti dalle diverse professionalità, saranno tenuti a creare prodotti ad alto tasso di innovazione (che impieghino gli strumenti che coinvolgono tutte le aree di competenza dei singoli, come ad esempio business intelligence, SEO, analytics e big data). Durante le ore di lavoro i team formatisi potranno usufruire del supporto di un gruppo di mentor che li affiancheranno rispondendo puntualmente ad eventuali domande che dovessero sorgere. Una volta ultimato il progetto saranno selezionate tre squadre in virtù del carattere di innovazione e rilevanza sociale del proprio lavoro. I tre team selezionati avranno l’opportunità di presentare il risultato del proprio lavoro di fronte a una platea di esperti e aziende leader del mercato, esponendone in sintesi i benefici principali. Saranno proprio loro alla fine a decretare il team che sarà risultato vincitore dell’hackathon e che potrà godere di un premio davvero allettante: un Package SEM Rush GURU e un voucher KeliWeb, per sfruttare spazio disponibile sui server dell’azienda.

Che requisiti sono necessari per prendere parte all’hackathon? La partecipazione all’hackathon è titolo completamente gratuito, basta iscriversi al Web Marketing Festival entro il 31 maggio registrandosi all’evento.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook