Basket NBA: I Sixers cedono Grant per Ilyasova

Basket NBA: I Sixers cedono Grant per Ilyasova

I Thunder scambiano Ilyasova, in scadenza a fine della stagione, ed una futura scelta protetta per arrivare a Jerami Grant

Come riportato da Adrian Wojnarowski, i Philadelphia 76ers hanno ceduto alla proposta degli Oklahoma City Thunder di una futura prima scelta protetta e l’ala Ersan Ilyasova. La scelta protetta al primo giro dovrebbe essere quella del 2020, se la lotteria dovesse dare ad OKC una scelta “troppo alta”  per lo scambio in questione cederà la scelte al secondo giro del 2022 e 2023.

Ilyasova viaggiva a 5 pti e 5 rim di media, evidentemente un rendimento non ritenuto sufficiente dato che era appena arrivato nell’Oklahoma tramite lo scambio che aveva portato Serge Ibaka in Florida agli Orlando Magic e lui assieme a Viktor Oladipo ai Thunder. Il giocatore nelle ultimi anni sembra proprio essere in difficoltà nel trovare una sua dimensione tanto da aver cambiato franchigia più volte nelle ultime tre stagioni NBA: Orlando Magic, Detroit Pistons e Milwaukee Bucks le recenti “case” di Ersan.

ilyasova

 

Grant invece veniva da una discreta stagione da 10 punti di media, lo scorso anno sembrava essere infatti un giocatore fisso nelle rotazioni dei Sixers, per quanto la parola fisso possa essere inadeguata per un cantiere aperto come la franchigia di Philadelphia,e da due partite giocate in questo inizio di Regular Season NBA.

Oklahoma City quindi aggiunge un prospetto interessante nelle rotazioni del roster e continua il suo processo di rinnovamento iniziato un poco per forza, vedi addio di Durant, ed un poco per scelta, torniamo quindi sul sopracitato scambio estivo che ha coinvolto Ibaka in uscita ed  Oladipo in entrata. Ci sarebbe da specificare che oltre alle contropartite tecniche alla base dello scambio ci potrebbe essere la situazione contrattuale dei giocatori, Ilyasova è in scadenza ed a fine stagione sarà unrestricted free agent, mentre Jerami Grant avrà un contratto non garantito per i prossimi due anni.

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook